Assumere con incentivi e bonus

Vediamo come assumere lavoratori e risparmiare sui contributi Inps
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Allo scopo di favorire il più possibile l’assunzione di nuovi dipendenti (soprattutto giovani) da parte dei datori di lavoro privati, forniamo un quadro completo degli incentivi e dei bonus che spettano quando sussistono determinate condizioni e specifici requisiti degli aspiranti lavoratori.

Le imprese ed i professionisti possono quindi liberamente attingere alle informazioni della nostra sintetica ma completa tabella, così da prendere coscienza della convenienza e del risparmio che realizzerebbero assumendo nuovi giovani lavoratori. Ovviamente nella speranza che lo facciano veramente.

 

Ecco dunque in un colpo d’occhio tutto quello che c’è da sapere sulle principali casistiche di assunzione agevolata (per la presenza di incentivi e bonus):

INCENTIVI ASSUNZIONE

Bonus
Garanzia Giovani

Bonus alternanza
scuola
-lavoro

Bonus disabili

Bonus assunzioni
Sud Italia

Quando assumere per avere l’incentivo

nel corso del 2017

nel corso del 2017 ed anche del 2018

non c’è termine, ma il bonus vale fino ad esaurimento fondi

nel corso del 2017

Dove assumere

in tutto il territorio nazionale

in tutto il territorio nazionale

in tutto il territorio nazionale

nelle Regioni di Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Quali lavoratori assumere

  • di età compresa tra i 16 ed i 29 anni
  • iscritti al programma Garanzia Giovani
  • con obblighi scolastici assolti
  • disoccupati e non inseriti in un percorso di studio o formazione: in altre parole devono essere “Neet”, cioè non occupati e non studenti

giovani che hanno svolto, durante il loro ciclo di studi, l’alternanza scuola-lavoro presso il datore di lavoro che assume (almeno 120 ore se da un istituto tecnico, almeno 60 ore se da un liceo) oppure un apprendistato

il bonus spetta anche per i lavoratori assunti nell’ambito del collocamento obbligatorio e riguarda coloro che hanno:

  • (caso “A”) una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% o con minorazioni ascritte dalla I alla III categoria delle tabelle del TU pensioni di guerra di cui al Dpr 915/78
  • (caso “B”) una riduzione della capacità lavorativa tra il 67% ed il 79% o con minorazioni ascritte dalla IV alla VI categoria delle tabelle del TU pensioni di guerra di cui al Dpr 915/78
  • (caso “C”) una disabilità intellettiva e psichica con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%
  • di età compresa tra i 16 ed i 24 anni

oppure

  • di età non inferiore ai 25 anni e privi di impiego da almeno 6 mesi, tranne il caso di stabilizzazione/trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Che tipo di assunzioni fare

  • a tempo indeterminato
  • a tempo determinato con durata non inferiore a 6 mesi
  • apprendistato professionalizzante

è ammesso anche il part-time (l’incentivo è proporzionalmente ridotto)

  • a tempo indeterminato
  • apprendistato
  • per i casi “A” e “B” di cui sopra, sono incentivate le assunzioni (anche obbligatorie) a tempo indeterminato e le trasformazioni di rapporti da tempo determinato a indeterminato, anche se in part-time
  • per il caso “C” di cui sopra, valgono anche le assunzioni a tempo determinato, per tutta la durata del contratto purché questo non sia inferiore a 12 mesi

sono incentivate anche le assunzioni per rapporti di lavoro a domicilio

  • a tempo indeterminato
  • in caso di stabilizzazione del rapporto di lavoro, cioè della trasformazione del contratto a termine in uno a tempo indeterminato
  • apprendistato professionalizzante

è ammesso anche il part-time (l’incentivo è proporzionalmente ridotto)

Come funziona l’incentivo per le assunzioni

l’incentivo può essere utilizzato entro il 28 febbraio 2019 indicando il bonus cui il datore di lavoro ha diritto nelle dichiarazioni mensili (Uniemens), così da versare meno contributi Inps ed imposte con il modello F24

 

 

l’incentivo può essere utilizzato entro il 28 febbraio 2019 indicando il bonus cui il datore di lavoro ha diritto nelle dichiarazioni mensili (Uniemens), così da versare meno contributi Inps ed imposte con il modello F24

A quanto ammonta l’incentivo per le assunzioni

l’incentivo è uno sgravio dai contributi Inps ed è pari:

  • all’importo dei contributi Inps dovuti, con esclusione dei premi Inail, fino al limite max di euro 8.060 annui per ciascun lavoratore incentivato assunto a tempo indeterminato o con apprendistato professionalizzante
  • al 50% dell’importo dei contributi Inps dovuti, con esclusione dei premi Inail, fino al limite max di euro 4.030 annui per ciascun lavoratore incentivato assunto a tempo determinato

in caso di part-time gli importi di cui sopra sono proporzionalmente ridotti

l’incentivo è uno sgravio dai contributi Inps ed è pari all’importo di tali contributi, con esclusione dei premi Inail, fino al limite max di euro 3.250 annui per un massimo di 3 anni

l’incentivo è commisurato alla retribuzione, da conguagliare con i contributi dovuti all’Inps, ed è pari:

  • al 70% della retribuzione mensile del lavoratore nel caso “A” di cui sopra, per la durata di 36 mesi
  • al 35% della retribuzione mensile del lavoratore nel caso “B” di cui sopra, per la durata di 36 mesi
  • al 70% della retribuzione mensile del lavoratore nel caso “C” di cui sopra, per la durata massima di 60 mesi

l’incentivo è uno sgravio dai contributi Inps ed è pari all’importo di tali contributi, con esclusione dei premi Inail, fino al limite max di euro 8.060 annui per ciascun lavoratore incentivato assunto

in caso di part-time l’importo è proporzionalmente ridotto

Come presentare domanda per l’incentivo

i datori di lavoro devono fare domanda telematica all’Inps che è l’ente gestore del bonus in questione, indicando i dati dell’assunzione che si intende realizzare

i datori di lavoro devono fare domanda telematica all’Inps che è l’ente gestore del bonus in questione, indicando i dati dell’assunzione che si intende realizzare

 

i datori di lavoro devono fare domanda telematica all’Inps che è l’ente gestore del bonus in questione, indicando i dati dell’assunzione che si intende realizzare

Quando è riconosciuto l’incentivo

le domande sono soddisfatte in ordine cronologico fino a capienza del fondo stanziato per il bonus in questione

le domande sono soddisfatte in ordine cronologico fino a capienza del fondo stanziato per il bonus in questione

le domande sono soddisfatte in ordine cronologico fino a capienza del fondo stanziato per il bonus in questione

le domande sono soddisfatte in ordine cronologico fino a capienza del fondo stanziato per il bonus in questione

Informazioni ulteriori

Il programma Garanzia Giovani è un’agevolazione voluta dalla UE per cercare di dare un lavoro ai giovani. Per iscriversi al programma Garanzia Giovani (così da beneficiare del bonus descritto) i ragazzi fino a 29 anni possono andare sul sito www.garanziagiovani.it e fornire i dati personali richiesti, nonché la preferenza per le Regioni ove si preferirebbe svolgere la propria attività lavorativa; successivamente, ai giovani iscritti verrà inviata una mail con l’indicazione del Centro per l’Impiego o altro Ente cui presentarsi per sostenere un primo colloquio di orientamento professionale.

 

 

 

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.