Confronto dei vari tipi di tassazione con programma

Vediamo quante e quali imposte pagano imprese e professionisti con il nostro programma gratuito
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Dopo aver già approfondito i tipi di contabilità e le modalità di tassazione di imprese e professionisti, facciamo adesso un doveroso confronto tra le diverse imposte che versano, a parità di reddito, le imprese individuali, le varie società ed i professionisti.

Facciamo questo confronto mettendo anche a disposizione dei nostri lettori un programma gratuito che, inserendo pochissimi dati, calcola le imposte da pagare per ogni tipo di attività, anche se svolta in modo associato (in società) o come professione.

Si tratta di uno studio articolato ma di piacevole e sintetica lettura, che considera non solo le differenti imposte che colpiscono aziende e professionisti (sono escluse solo l’Irap e le addizionali locali per la loro variabilità geografica) e i diversi regimi di tassazione, ma pure le più importanti forme di organizzazione con cui può essere esercitata l’attività di impresa: individuale, società di persone (Snc e Sas) e società di capitali (per es. Srl).

Grazie al programma gratuito che offriamo in questa pagina ed alle correlate tabelle, gli imprenditori ed i professionisti possono scegliere facilmente il più conveniente sistema di tassazione, nonché la migliore forma di organizzazione da dare alla propria azienda: non è cosa da poco.

 

Nel programma che calcola le imposte sono da inserire, nelle celle bianche, i seguenti dati:

  • i ricavi (per le imprese) o compensi (per i professionisti) annui
  • i costi o le spese sostenuti nell’anno
  • il tipo di attività esercitata, che serve per calcolare la tassazione con il regime forfetario
  • l’indicazione se trattasi di attività iniziata da non più id 5 anni (per la diversa aliquota da applicare in caso di tassazione forfetaria)
  • l’ammontare dei contributi previdenziali versati nell’anno, che costituiscono una deduzione dal reddito complessivo
  • l’importo dei prelevamenti in conto utile (i cosiddetti anticipi sugli utili) che l’imprenditore effettua per finalità personali, i quali sono diversamente tassati con la nuova imposta IRI
  • gli altri eventuali redditi (non d’impresa e non professionali) del contribuente
  • altre deduzioni dal reddito (oltre i contributi previdenziali già inseriti sopra), come per es. il reddito della casa d’abitazione
  • le detrazioni fiscali sull’imposta lorda per spese ed oneri
  • la quota di partecipazione (in %) al patrimonio dell’eventuale società di cui il contribuente fa parte (se l’attività di impresa viene appunto svolta in forma associata)
  • l’ammontare degli utili non distribuiti (per es. nel caso di una partecipazione in Srl)

Inseriti i dati, il programma calcola in automatico le tasse da versare per ogni tipo di attività e/o forma di tassazione del reddito, indicando per ciascuna fattispecie il tipo di imposta cui il contribuente è soggetto e l’importo da pagare (dal 2017). Ecco dunque il programma:

Ricordiamo a chi è già imprenditore/professionista o ha deciso di diventarlo, ed abita in provincia di Roma, che i nostri collaboratori sono a sua disposizione per tutte le necessarie consulenze, nonché per la tenuta della contabilità: è sufficiente andare sul sito www.studiodicarlo.net

In virtù di quanto detto sopra, emergono i dati riportati nella seguente importantissima tabella di confronto delle tassazioni (abbiamo ipotizzato un contribuente tipo, rappresentato da una nuova impresa attiva nel commercio che versa il 15% del reddito in contributi Inps e dalla cui cassa l’imprenditore preleva, per esigenze personali, il 25% del reddito; nel caso di società la valutazione riguarda le imposte che colpiscono la società stessa più 2 soci al 50%; non sono considerati l’Irap, le addizionali locali e l’agevolazione Ace):

Confronto tassazioni diverse
(
si è ipotizzato che i contribuenti versino il 15% del reddito per contributi previdenziali; per la tassazione forfetaria si è ipotizzata un’impresa attiva nel commercio all’ingrosso e/o al dettaglio avviata da meno di 5 anni; per la tassazione Iri si è ipotizzato che l’imprenditore prelevi dagli utili il 25% del reddito per esigenze personali; per le società il prelievo fiscale è la somma delle imposte a carico della società e di 2 soci al 50%)

Tipi di tassazione

Forfetaria

IRI

Ordinaria (Irpef)

Ordinaria
(Irpef + Ires)

 

Ditta individuale
oppure
Professionista

Ditta individuale

Società di persone
(Snc / Sas)
+
2 soci al 50%

Ditta individuale
oppure
Professionista

2 soci al 50% di
Società di persone (Snc / Sas)
oppure

2 soci al 50% di Srl
tassati per trasparenza

Società di capitali (Srl / Spa)
+
2 soci al 50%

Reddito dimpresa
(
Ricavi per forfetari)

€ 10.000,00

€ 125,00

€ 2.030,00

€ 2.260,00

€ 1.955,00

€ 1.610,00

€ 2.579,11

€ 20.000,00

€ 250,00

€ 4.060,00

€ 4.520,00

€ 3.990,00

€ 3.220,00

€ 5.158,21

€ 30.000,00

€ 375,00

€ 6.090,00

€ 6.780,00

€ 6.285,00

€ 4.830,00

€ 7.737,32

€ 40.000,00

€ 500,00

€ 8.120,00

€ 9.040,00

€ 9.240,00

€ 6.440,00

€ 10.316,42

€ 50.000,00

€ 625,00

€ 10.150,00

€ 11.300,00

€ 12.470,00

€ 8.250,00

€ 12.895,53

€ 60.000,00

€ –

€ 12.180,00

€ 13.560,00

€ 15.700,00

€ 10.140,00

€ 15.474,63

€ 70.000,00

€ –

€ 14.210,00

€ 15.820,00

€ 19.065,00

€ 12.030,00

€ 18.053,74

€ 80.000,00

€ –

€ 16.240,00

€ 18.080,00

€ 22.550,00

€ 13.920,00

€ 20.632,84

€ 90.000,00

€ –

€ 18.270,00

€ 20.340,00

€ 26.065,00

€ 16.580,00

€ 23.211,95

€ 100.000,00

€ –

€ 20.300,00

€ 22.600,00

€ 29.720,00

€ 19.240,00

€ 25.791,06

€ 200.000,00

€ –

€ 40.800,00

€ 45.600,00

€ 66.270,00

€ 46.740,00

€ 51.582,11

€ 300.000,00

€ –

€ 61.720,00

€ 69.440,00

€ 102.820,00

€ 76.640,00

€ 77.373,17

€ 400.000,00

€ –

€ 83.520,00

€ 95.040,00

€ 139.370,00

€ 106.740,00

€ 103.210,18

€ 500.000,00

€ –

€ 105.320,00

€ 120.640,00

€ 175.920,00

€ 136.840,00

€ 129.312,72

€ 600.000,00

€ –

€ 127.270,00

€ 146.540,00

€ 212.470,00

€ 166.940,00

€ 155.415,26

€ 700.000,00

€ –

€ 149.370,00

€ 172.740,00

€ 249.020,00

€ 197.040,00

€ 181.517,81

€ 800.000,00

€ –

€ 171.570,00

€ 199.140,00

€ 285.570,00

€ 227.140,00

€ 208.313,09

€ 900.000,00

€ –

€ 193.870,00

€ 225.740,00

€ 322.120,00

€ 257.240,00

€ 235.272,22

€ 1.000.000,00

€ –

€ 216.170,00

€ 252.340,00

€ 358.670,00

€ 287.340,00

€ 262.231,36

La tabella di cui sopra è rappresentabile anche dal seguente grafico, che mostra le imposte da versare nei diversi casi e per redditi fino a 100 mila euro:

grafico-tassazione-imprese

 

Abbiamo sviluppato anche questo altro grafico, in cui le imposte complessive da pagare sono messe a confronto con i redditi che vanno da 100 mila ad un milione di euro:

grafico-tassazione-imprese2

Abbiamo messo tutto il nostro impegno nella realizzazione del programma e nella stesura dell’articolo, ma essi sono stati elaborati esclusivamente per finalità didattiche e pertanto non fate affidamento sui risultati del programma e sulle informazioni contenute nel testo. Ci esoneriamo quindi da qualsiasi responsabilità per i danni derivanti dall’uso dei dati forniti.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.