Fasi lunari e patta

Il ciclo delle fasi lunari ed il calcolo della patta

 

Luna attuale

Quando nelle notti d’estate alziamo gli occhi e guardiamo il cielo stellato, non possiamo fare a meno di soffermarci sulla quasi fiabesca immagine, più o meno oscurata, della Luna. Ne osserviamo in particolare la frastagliata faccia ed il curioso profilo disegnato dalla sua parte in ombra. Sappiamo che quest’ultimo dipende dai movimenti (moti di rotazione e di rivoluzione) della Luna medesima e della Terra cui essa gira intorno. Il nostro pianeta, frapponendosi tra il suo satellite ed il Sole, provoca appunto quel processo di graduale scomparsa e riapparizione della Luna conosciuto come “ciclo delle fasi lunari” o mese “sinodico”. Il ciclo della Luna (rispetto al Sole) si completa in 29 giorni, 12 ore, 44 minuti e 3 secondi, durante i quali abbiamo approssimativamente:

  • 14 giorni di Luna crescente, in cui il satellite si sta avviando verso la Luna Piena e presenta la gobba a ponente (a occidente) – per ricordarlo memorizzate il detto “Luna crescente, gobba a ponente“;
  • un giorno di Luna Piena, in cui la Luna mostra per intero il suo disco;
  • 14 giorni di Luna calante, in cui il satellite si sta avviando verso la Luna Nuova e presenta la gobba a levante (a oriente) – per ricordarlo memorizzate il detto “Luna calante, gobba a levante“;
  • un giorno di Luna Nuova, in cui la Luna è invisibile (perché completamente oscurata dalla Terra) e che rappresenta la fine del ciclo o mese sinodico, dal quale giorno quindi si riparte per un altro ciclo lunare.

Un altro sistema per capire se la luna è crescente o calante è quello, molto semplice, di far riferimento alla parola “Ci-cala”: se la luna che vediamo in cielo raffigura una “C”, allora sta calando; mentre, viceversa, quando ha la forma di una “D” sta crescendo, per diventare Luna Piena. Esiste un metodo — facile da imparare e ricordare — che permette di conoscere in quale fase del suo ciclo si trova la luna in un giorno qualsiasi dell’anno. Si chiama “patta” (in forma dialettale, il termine esatto è “epatta”) e consiste molto semplicemente nella somma di tre numeri riferiti ad un certo giorno. A tale somma va tolto 30 ogni volta che essa raggiunge o supera 30 (si toglie 60 se raggiunge o supera 60). In sintesi: data + capomese + patta (vera e propria) = giorno della fase lunare (a questa somma va sottratto 30 ogni volta che essa raggiunge o supera il valore di 30) dove:

  • data, è la data del mese
  • capomese , altro non è se non il numero del mese, partendo però non da gennaio ma da marzo. Per cui il numero di capomese sarà pari a quello indicato in tabella
Mese
Capomese
marzo
1
aprile
2
maggio
3
giugno
4
luglio
5
agosto
6
settembre
7
ottobre
8
novembre
9
dicembre
10
gennaio
11
febbraio
12
  • patta vera e propria, è un numero associato all’anno (dal 1° marzo 2008 è 22), che cresce di 11 al primo marzo di ogni anno (c.d. capodanno lunare). Quindi il valore della patta vera e propria dura per tutto il periodo che va dal primo marzo di un anno al 28 o 29 febbraio dell’anno successivo. Anche qui bisogna togliere 30 ogni volta che, aggiungendo 11, si raggiunge o supera 30.Per aiutarvi ho calcolato la patta per tutti gli anni di questo secolo, considerando che nel periodo 1° marzo 2008 – 28 febbraio 2009 la patta è di 22 (e ricordandovi che il valore indicato per ciascun anno parte dal primo marzo di quell’anno e vale sino a fine febbraio dell’anno successivo).

  

patta

Come sempre un esempio è meglio di mille parole. Calcoliamo la fase lunare (o patta) del 28 gennaio 2008.

28 (data) + 11 (capomese) + 11 (patta v. e p.) = 50 – 30 = 20

La Luna è calante. Dopo circa 10 giorni ci sarà la Luna Nuova e sono passati 5 giorni dalla Luna Piena. Altro esempio. Calcoliamo la fase lunare o patta del 31 dicembre 2008.

31 (data) + 10 (capomese) + 22 (patta v. e p.) = 63 – 30 – 30 = 3

La Luna è crescente. Sono passati appena 3 giorni dalla Luna Nuova e fra circa 12 giorni ci sarà la Luna Piena. Poiché il mese lunare è di circa 29,5 giorni e non 30, il calcolo può dare un errore, che comunque è inferiore al giorno. Come vedete l’unico dato un po’ difficile da ricordare, una volta imparato il facile meccanismo di somma, è il valore numerico della patta propriamente detta. Per esso dovete affidarvi unicamente alla vostra memoria. Vi do però un aiuto riportando i suoi valori per i prossimi anni:

Periodo
Patta p.d.
1°/03/2007-29/02/2008
11
1°/03/2008-28/02/2009
22
1°/03/2009-28/02/2010
3
1°/03/2010-28/02/2011
14

Concludo con un utile specchietto delle fasi lunari associate al valore della patta risultante dal calcolo esposto.

Patta
Fase lunare
0
Luna nuova luna-nuova
1
Lunacrescente luna-crescente
2
3
4
5
6
7
Primoquarto luna-primo-quarto
8
9
10
11
12
13
14
15
Luna piena luna-piena
16
 
Lunacalante
 luna-calante
17
18
19
20
21
22
Ultimo quartoluna-ultimo-quarto
23
24
25
26
27
28
29

Con questo programma è possibile calcolare la patta e la corrispondente fase lunare per qualsiasi data.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

9 Commenti

  1. La spiegazione della “epatta” non è proprio corretta in quanto al valore 11 della epatta ogni 19 anni va aggiunto 1 infatti il prossimo 1 marzo 2014 la epatta sarà di 29 e non 28

    Rispondi al Commento
  2. Da quando vado a bagolino e parlando con i vecchi del paese mi annoinsegnato a calcolare la luna è stato bellissimo

    Rispondi al Commento
  3. Il calcolo della patta l’ho appreso dal 1950 sul Breviario dei Preti nel 1950

    Rispondi al Commento
  4. PERFETTO,CONOSCEVO IL CALCOLO INSEGNATOMI DA MIO PADRE ANNI 80,DA BUONA MEMORIA L’EPATTA ERA MEMORIZZATA NEL CERVELLO DI MIO PADRE.GRAZIE PER AVERMI DATO CONFERMA CON LE NUOVE TECNOLOGIE.

    Rispondi al Commento
  5. E’ valido il detto che: non c’e’ venerdì santo al mondo che la luna di marzo non abbia fatto il tondo!

    Rispondi al Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.