Valutare la leggibilità di un testo

Quanto è leggibile un testo scritto? Ce lo dice una semplice formula matematica

Di modelli matematici descrittivi del mondo che ci circonda ne esistono a migliaia, ma pochi sanno dell’esistenza di una (facile) formula matematica in grado di dirci addirittura quanto è scorrevole la lettura di un qualsiasi scritto.

E’ proprio così: l’indice di Gulpease permette di sapere, in termini quantitativi, la misura di leggibilità di un testo scritto.

Ed i suoi risultati sono anche discretamente attendibili, visto che l’equazione in questione è il frutto di un’importante ricerca universitaria.

Conoscendo la valutazione di Gulpease è pertanto possibile modificare le proprie lettere o relazioni, in modo da renderle più facili da leggere per il destinatario.

Oppure, qualora il calcolo dell’indice dia un valore basso, lo si può semplicemente usare per criticare la scrittura degli altri: ad esempio quando il capo aziendale ha scritto una comunicazione di servizio da far ridere i puristi della lingua o comunque gli amanti della bella scrittura.

Vediamo come si calcola questo indice di leggibilità, peraltro appositamente calibrato sulla sintassi italiana.

Le variabili da utilizzare sono 3 e più precisamente la quantificazione del grado di leggibilità richiede in primo luogo di conteggiare il numero dei seguenti elementi del testo da esaminare:

a)      frasi

b)     lettere

c)      parole

La loro conta è più facile di quel che si creda. Infatti, quando si usa un qualunque word processor come p.es. Word, è sufficiente azionare l’apposita funzione di “Conteggio parole” per avere il numero delle parole e delle lettere (cioè dei caratteri, spazi esclusi) contenute nel testo.

Un po’ più difficile è l’ottenimento del numero delle frasi, ma anche a ciò si può ovviare. I metodi sono due:

a)      si scrive andando a capo ad ogni frase, così da creare dei paragrafi che poi il conteggio delle parole evidenzia

b)      oppure, nel caso si voglia valutare testi già composti da altri, si conta con un programma di videoscrittura il numero dei punti presenti nel testo (ipotizzando che ognuno di essi ponga fine ad una singola frase), utilizzando il comando “Trova” ed inserendo il punto come carattere da cercare (e da contare)

Una volta calcolati i dati richiesti, la formula di Gulpease per valutare la scorrevolezza linguistica dei testi scritti è questa:

89 + 300*(numero delle frasi) – 10*(numero delle lettere)

numero delle parole

La valutazione fornisce un voto compreso da zero (leggibilità più bassa) a 100 (leggibilità più alta), in cui sostanzialmente valori inferiori a 80 sono espressivi di testi non chiari.

In particolare un voto inferiore a:

a)      80, indica scarsa scorrevolezza per coloro che hanno la licenza elementare

b)      60, esprime scarsa leggibilità per coloro che hanno la licenza media

c)      40, evidenzia difficoltà di lettura per coloro che hanno un diploma superiore

Per chi non avesse dimestichezza con le operazioni matematiche forniamo la seguente tabella interattiva, dalla quale, inserendo i dati richiesti (celle bianche) riguardanti il testo da esaminare, si ottengono in automatico l’indice di Gulpease (da 0 a 100) ed un giudizio qualitativo avente mero carattere orientativo (inserite i dati con il mouse e cliccate in un punto al di fuori dalla tabella per conoscere il risultato).

Facciamo ora degli esempi per vedere come funziona in concreto l’indice di Gulpease.


Dalla versione on line de “Il sole 24 Ore” del 5 aprile 2010

È stato effettuato come previsto il lancio dello Shuttle Discovery alle 6.21 di oggi (le 12.21 in Italia) dal Kennedy Space Center in Florida. La missione durerà 13 giorni: il rientro sulla Terra è previsto il 18 aprile e si tratta della quart’ultima missione del programma Shuttle, poi la flotta spaziale verrà ritirata. L’equipaggio della navetta spaziale è composto da sette astronauti tra cui tre donne: le americane Stephanie Wilson e Dorothy Metcalf-Linderburger e la giapponese Naoko Yamazaki. Con Tracy Caldwell Tyson, un’americana che si trova già sulla Iss, stabiliranno un nuovo record: per la prima volta, infatti, quattro donne saranno nello spazio contemporaneamente.

Per la Nasa, la Sts-131, ai comandi di Alan Poindexter, è la quartultima missione prima del pensionamento definitivo degli Shuttle che avverrà entro la fine dell’anno. A bordo del Discovery ci sarà anche il modulo logistico «Leonardo», costruito in Italia dalla divisione spaziale dell’Alenia, carico di rifornimenti, al suo ultimo volo spaziale prima di diventare un componente definitivo della struttura dalla stazione orbitante. Previste anche 3 missioni extraveicolari per la riparazione di un serbatoio di ammoniaca.

Risultato:

Numero delle frasi 9
Numero delle lettere 1.024
Numero delle parole 180
Indice di Gulpease 47 Testo sufficiente

 

Da “La Repubblica.it” del 5 aprile 2010

Torna a giocare. Dopo lo scandalo, i tradimenti coniugali e lo stop all’attività. Tiger Woods, ovvero quello che era il golfista più forte del mondo torna a calcare il green e si sottoppone all’assedio del media. Parlando di tutto: dal tradimento nei confronti della moglie all’ammissione di aver avuto decine di amanti al punto da diventare “sesso-dipendente”, alla decisione di confessare tutto e di farsi curare pur di tornare a giocare.

Nella sua prima conferenza stampa dopo la tempesta, tenuta ad Augusta, in Georgia, per il suo ritorno alla attività agonistica in occasione dei Masters americani,  Woods recita molti ‘mea culpa’. Conditi da alcuni “mi spiace” e “adesso sono un uomo nuovo”. Per il campione, vincere sarà ormai “irrilevante” se paragonato “al male provocato alla famiglia”. Woods spiega che in questi cinque mesi ha “guardato dentro se stesso” ed è stato “duro”. Soprattutto per aver causato l’ulteriore “assalto della stampa sulla vita di mia moglie e dei miei figli”. Per questo, aggiunge, la moglie ha deciso di non seguirlo al torneo di Augusta. I fan, invece, non l’hanno dimenticato: “La loro accoglienza mi ha travolto”.

Risultato:

Numero delle frasi 11
Numero delle lettere 965
Numero delle parole 185
Indice di Gulpease 55 Testo sufficiente

 

E per finire giudichiamo con il Gulpease questo stesso articolo di Studiamo.it

Numero delle frasi 22
Numero delle lettere 2.342
Numero delle parole 445
Indice di Gulpease 51 Testo sufficiente

 


Beh, poteva andare peggio e comunque sono in linea con le grandi firme del giornalismo italiano.

Non resta che augurarvi buon divertimento e mi raccomando: scrivete bene con l’indice di leggibilità Gulpease 😉

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.