Calcolo acconto e saldo cedolare secca

Un facilissimo programma per calcolare il saldo e gli acconti della cedolare secca sugli affitti

Molti contribuenti, titolari di redditi da locazione, sono costretti a calcolare (e versare) il saldo e gli acconti dovuti per la nuova cedolare secca sugli affitti.

Si tratta di un compito gravoso per tanti motivi:

  • perché la cedolare secca è nuova ed anche se fa risparmiare soldi non se ne ha ancora familiarità
  • perché un tributo che poteva essere semplicissimo è stato complicato da 53 pagine di spiegazioni da parte del fisco
  • perché l’adempimento richiede il calcolo sia di 2 acconti (per gli affitti dell’anno in corso), sia del saldo riferito alle locazioni dell’anno precedente

Per agevolare le persone alle prese con questi calcoli riguardanti la cedolare secca abbiamo predisposto un programma facilissimo, in cui è sufficiente inserire (nelle celle bianche):

  • il canone mensile dell’affitto ed il numero di mensilità da riscuotere nell’anno. In alternativa al dato precedente, per chi ha più case affittate o un’unica casa locata più volte, è possibile inserire il totale annuo dei canoni di locazione, senza alcuna riduzione (nel caso venga digitato quest’ultimo valore, esso prevale su tutti gli altri)
  • la percentuale di comproprietà dell’immobile, cioè la partecipazione personale (in %) al reddito da locazione quando ci sono più comproprietari
  • il tipo di contratto di locazione (libero o convenzionale)

Attenzione: usate la virgola e non il punto per digitare gli importi con decimali.

 

Tre soli dati da digitare e poi il programma fornisce in automatico gli importi da versare, con indicazione delle date di scadenza dei versamenti. L’unica avvertenza è che bisogna considerare bene l’anno di riferimento dei dati, cioè l’anno al quale la situazione degli affitti si riferisce. Infatti:

  • per il saldo bisogna inserire i dati nel 1° riquadro, in cui le locazioni da rappresentare sono relative all’anno precedente. In questo riquadro occorre digitare il totale degli acconti versati (così d’avere il saldo residuo da pagare)
  • per il primo e secondo acconto bisogna inserire i dati nel 2° riquadro, in cui le locazioni da rappresentare sono relative all’anno in corso. In questo riquadro è anche possibile indicare l’importo del primo acconto eventualmente pagato in misura diversa da quella calcolata (se il primo acconto non è stato proprio versato, digitate 0,00 nell’apposita cella bianca). E’ anche presente un riquadro per calcolare gli acconti con il metodo storico, cioè con i dati riferiti alla situazione degli affitti dell’anno precedente, che conviene quando l’importo degli acconti da versare risulta più basso di quello scaturente dalla situazione reale relativa all’anno in corso.

Cosa si vuole di più? Niente di più facile.

Buon versamento.

Articolo correlato: “Affitti e canoni di locazione: con la cedolare secca si risparmia sulle tasse”

Come sempre è stato profuso tutto il nostro impegno nello sviluppo del software, ma non ce ne vogliate se trovate qualche errore. Il consiglio è di controllare bene i dati elaborati e quindi non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali danni che possano derivare dall’uso del programma.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

61 Commenti

  1. Buongiorno, per favore qualcuno può aiutarmi?
    Ho acquistato una casa nel 2016 che ho affittato a € 400,00 netti al mese con cedolare secca contratto libero, che percepisco da agosto.
    Devo pagare l’Iperf entro il 30/11/16. ho come dice il calcolo devo versare in un’unica rata entro il 16/06/17 € 420,00? ovvero il 21% di 2000,00?

    Grazie

    Rispondi al Commento
  2. Finalmente qualcuno che aiuta chi ne ha bisogno su questi argomenti senza ricorrere a spese esorbitanti di commercialisti o altro considerando il misero affitto che si ricava da una piccola casetta. Complimenti e grazie

    Rispondi al Commento
    • GRAZIE, FINALMENTE HO CAPITO COME PAGARE LA CEDOLARE SECCA. MI STAVA VENENDO L’ANSIA. LE COSE SEMPLICI LE COMPLICANO SEMPRE. GRAZIE ANCORA

      Rispondi al Commento
    • Grazie per la chiarezza e semplicità. Non si potrebbe aggiungere un fax simile per la compilazione del modulo F.24? Grazie ancora.

      Rispondi al Commento
  3. finalmente un programma semplice, serio e utilissimo. Grazie infinite

    Rispondi al Commento
  4. Avviso per tutti coloro che chiedono informazioni personalizzate: Studiamo.it NON FORNISCE CONSULENZE. Chi è interessato ad avere informazioni sulla propria situazione può rivolgersi, se lo vuole, al sito http://www.consulenzeprofessionali.jimdo.com

    Rispondi al Commento
  5. Complimenti, finalmente questo programma mi chiarisce molte cose. Ti chiedo gentilmente se mi confermi che sul modello F24 per il pagamento degli acconti ( 16 giugno e 30 novembre) della cedolare secca devo mettere il codice rateazione 0101 e sul saldo (16 giugno) devo lasciare in bianco grazie.

    Rispondi al Commento
  6. Ho affittato un appartamento con contratto di un anno scegliendo la cedolare secca , l’acconto ed il saldo quando va pagato

    Rispondi al Commento
    • perché con la cedola secca si deve anticipare l’irpef dell,anno successivo

      Rispondi al Commento
  7. Salve il 30 novembre 2012 il mio inquilino ha optato per il recesso anticipato di un contratto del 2006 dove non avevo scelto la clausola della cedolare secca. Dal 1 dicembre ho affittato con la cedolare secca ad un canone mensile di 550 euro. Come devo fare il calcolo della cedolare secca, e quando la devo pagare?

    Rispondi al Commento
  8. Grazie, ottimo……sicuramente pratico e funzionale. Una domanda: ho affittato un appartamento acquistato a Luglio 2012 ed affittato a partire dal 1 ottobre 2012. non devo versare acconti a novembre 2012 vero?

    Rispondi al Commento
  9. Ho affittato il mio appartamento a 600,00 euro mensili dal 05\08\2011, secondo le prime notizie sulla cedolare secca, ho calcolato la somma dei canoni percepiti fino a dicembre 2011 (tot.5 mensilita’), moltiplicando x 85% e poi x 21%, saldando direttamente a novembre 2011 con f24, ora mi accorgo che le cose sono cambiate, come mi devo comportare? per l’anno 2011 e come per il 2012? devo continuare a pagare con gli f24 o verranno detratte le somme sul 730? grazie per la collaborazione

    Rispondi al Commento
  10. Il mio quesito è simile a quello di anna: se ho affittato dal 7 giugno devo calcolare l’intero mese (perché il periodo supera i 15 giorni) o devo calcolare in rapporto a 23 giorni?

    Rispondi al Commento
  11. Ottimo programma! Solo un dubbio: ho affittato un appartamento con decorrenza 15/04/2012. Non ho effettuato il versamento dell’acconto entro il 18 giugno, e volevo farlo entro il 16 luglio (con maggiorazione 0,40%) tramite F24. Con che codice tributo lo verso? Sempre con il 1840 o vanno distinti gli importi dell’acconto e della maggiorazione? Grazie!

    Rispondi al Commento
  12. HO REGISTRATO UN CONTRATTO AD AGOSTO 2011 – 15/08/2011 SCAD.15/08/2015 , PER IL 2011 NON ABBIAMO VERSATO NULLA , CREDO ERRONEAMENTE , PER CALCOLARE QUANTO DOVEVO VERSARE A NOVEMBRE E’ CORRETTO 4 MESI PER 2011 ( QUINDI 1200€ DI CANONE SU CUI CALCOLARE LA CEDOLARE SECCA ) + RAVVEDIMENTO E PER IL 2012 INVECE FACCIO IL CALCOLO CON LA VS. MAGNIFICA TABELLINA E’ MI VIENE IN TOTALE 756 DA DIVIDERE PER 18/06 E 30/11/2012 .

    Rispondi al Commento
  13. Si, va alla riga del totale annuo per chi ha più affitti (o un unico affitto per periodi particolari).

    Rispondi al Commento
  14. affittato dal 15/04/2012. il programma accetta solamente numero intero nel campo “mensilità”. In alternativa ho utilizzato il campo “totale annuo”, riportando l’importo che percepirò in 8 mesi e mezzo. E’ corretto? grazie

    Rispondi al Commento
  15. l’01/07/11 ho registrato telematicamente un contratto con opzione cedolare secca. avrei dovuto pagare l’imposta entro il 2011 o ho tempo fino al 16/06/12 pagando anche il 1° acconto 2012, come sembra dal vs programma? Se è la 1° ipotesi come faccio a pagare quanto dovuto per il 2011? grazie

    Rispondi al Commento
  16. salve avrei un quesito da porvi: ho registrato un contratto di locazione il 01/02/2012. il prossimo 15/07/2012 il contratto sarà risolto. Devo indicare nel i acconto di giugno l’importo del canone di 12 mensilità? e dopo a novembre cosa succede se sarò a credito rispetto agli acconti, in che modo sarò rimborsato? Grazie e complimenti per il lavoro svolto.

    Rispondi al Commento
  17. vi ringrazio tantissimo per questo programma che dopo tanto vagare mi ha chiarito tante cose. Ultimo dubbio: se ho affittato dal 19/04/2012 devo calcolare 8 o 9 mesi? Grazie ancora

    Rispondi al Commento
  18. io sono nelle stesse condizioni di antimo, ho letto che per il solo 2012 la % di acconto passa dal 95 al 92 % (38+54=92). è una misura del salva italia di novembre 2011

    Rispondi al Commento
  19. La risposta è sì alle prime due domande e, per quanto riguarda la terza, ho letto le misure degli acconti su una recente circolare dell’Agenzia delle Entrate: cercala sul web perchè io non la ritrovo più. Ciao

    Rispondi al Commento
  20. Scusa Steve, sono stato aggressivo e non lo meritavi. Di nuovo scusa e apprezzo il fatto che l’hai pubblicato ugualmente il mio post. Fatte le dovute scuse ora vorrei da te se possibile delle risposte precise a domande precise. OK? 1) La locazione è iniziata ad Aprile 2012 sono io tenuto a versare il primo acconto a giugno visto che il tributo è superiore a 258 euro o devo versarlo a giugno dell’anno prossimo? 2) L’importo di cui devo pagare il 21% va calcolato sui canoni percepiti da Aprile a Dicembre 2012? Io ho già le mie convinzioni in merito, volevo un tuo parere per vedere se convergeva con le mie. Un’ultima cosa che mi lascia perplesso è l’applicazione del 38% sul primo acconto e il 54% sul secondo, mentre a me risulta il 40 e 60 per cento. Mi puoi dire da dove hai desunto tali dati? Ti ringrazio e ti saluto. Antimo.

    Rispondi al Commento
  21. Perchè dici che non ti dà le risposte? Il programma ti calcola correttamente gli acconti dovuti e poi basta una semplice calcolatrice per capire che l’acconto elaborato è il 92% del dovuto, distinto in 38% (prima rata) e 54% (seconda rata). Così come vuole la normativa. Io quello che dicono e fanno gli altri non lo so e non lo voglio sapere, ma questi sono i calcoli giusti e non c’è errore (almeno spero…).

    Rispondi al Commento
  22. Fai come Ponzio Pilato, te ne lavi le mani. Mi rimandi al foglio excel che queste risposte non me le da. Bastava un si o un no, e se volevi dedicarmi 5 minuti mi dicevi dove è l’errore. Troppo facile rispondermi così. Sono anche sicuro che non pubblicherai questo post. Stammi bene Steve.

    Rispondi al Commento
  23. Caro Antimo, non andare in panico. Utilizza il programma mettendo i dati nella parte dell’anno in corso e avrai tutte le risposte. L’ho realizzato per questo…

    Rispondi al Commento
  24. Caro Steve stò impazzendo 😉 , nemmeno dal sito dell’Agenzia delle Entrate ho trovato chiarimenti in merito. Spero che tu mi chiarisca del tutto. QUESITO: contratto con cedolare secca registrato il 20/04/2012, importo mensile 180 euro l’acconto della prima rata è dovuta del 40% sulla cifra del 92% dell’acconto totale a giugno 2012 e del 60% a novembre 2012 ed il saldo a giugno 2013. Giusto? L’importo su cui calcolare l’acconto è 180 x 9 = 1.620 (Apr/Dic)? Te lo chiedo perché alcuni dicono il 95% e qualche altro addirittura l’82% perché un decreto a abbassato di 13 punti la % da dare in acconto; altri riferiscono che bisogna pagare l’anno successivo, mentre, se ho capito bene va versata come l’IRPEF, cioè, acconto anno in corso e saldo a giugno dell’anno successivo. Scusa per la lungagine, spero almeno di essermi spiegato bene e di AVER CAPITO BENE. Grazie e ciao.

    Rispondi al Commento
  25. Tranquillo e’ morto, caro Luca.

    Rispondi al Commento
  26. Buonasera, mi sono ritrovato in questo blog dopo tanto girovagare nella rete infinita…sigh ! tra acconti ,saldo, irpef e 730 altro che il commercialista, qui servirebbe un psicanalista 🙂 .. e che alla fine in nessun sito o blog che sia sono riuscito a trovare informazioni precise, fin quando appunto o trovato questo ! QUESITO : Registrazione del contatto di locazione opzione cedolare secca : 1° passo registrare il contratto di locazione con il modello 69 ( A mano all’agenzie delle entrate , corretto !? ) portare con se 3 copie del contratto, originale compresa, occorre la marca da bollo !? … et voilà il gioco e fatto !?tutto quà !? 2° Comunicazione di cessione di fabbricato alla P.S ( occorre ancora !? ) 3° Pagare la famosa tassa di registro di 3.72 € Mod f23 codice tributo 964T .. ci siamo !? 3° CEDOLARE SECCA !? Affito con decorrenza 1.7.2021 versamento da fare in un unica soluzione prima del 30 novembre per un importo stando al calcolatore di 788 € ( in un altro simulatore c’era uno strano calcolo …mensile 625 x 4 forse gli anni x 21% x 95 % …..cmq )… Vado tranquillo !? Grazie per le risposte ! Buona serata a tutti voi !

    Rispondi al Commento
  27. Vorrei gentilmente sapere come si calcola il ritardato pagamento della ced. secca. Faccio presente che il contratto ha una durata di 18 mesi, dal 12/10 al 06 /12; la difficoltà in cui mi trovo è questa: contratto registrato in ritardo( per distrazione) il 22/07/11, la racc. a/r è stata inviata il 1° /’07/11, però nella fase di registrazione è stato pagato la ritardata registrazione, secondo il consiglio del funzionario dell’agenzia delle entrate. Vi ringrazio in anticipo; spero di essere stato chiaro(???).

    Rispondi al Commento
  28. Caro Adolfo di Torino, sì c’è stata una modifica legislativa che ha variato gli acconti da versare per il 2012. Ciao

    Rispondi al Commento
  29. caro Steve, un mio innato spirito di verifica mi ha portato ad accorgermi che il coefficiente di calcolo dell secondo acconto 2012 non corrisponde al 60% del 95% dell’imposta annua dovuta per la cedolare secca come sopra detto bensì al solo 56,8421%. In conseguenza di ciò il saldo di giugno 2013 sarà del 8% anziché del 5% dell’imposta complessivamente dovuta per l’anno 2012. Potresti precisarmi se è sopravvenuta una modificazione ministeriale della quale non trovo notizia esaminando l’informazione disponibile. Penso che in tal caso la tua tabella di calcolo risulti non soltanto affidabile e preziosa ma anche aggiornatissima. Grazie, con un cordiale e grato saluto.

    Rispondi al Commento
  30. ho letto con attenzione l’intero forum disponibile fino ad oggi, ricavando da esso il chiarimento che mi occorreva per alcune mie perplessità. Leggerò anche il prosieguo. Molto comoda ed utile la vostra iniziativa e la cura delle risposte. Ringrazio e mi complimento.

    Rispondi al Commento
  31. per i contratti stipulati con decorrenza 1.1.2012, si pagano gli acconti relativi alla cedolare secca? grazie

    Rispondi al Commento
  32. Rispondo a Massimo. E’ molto semplice basta inserire la somma complessiva degli affitti dell’anno (nel caso prospettato euro 8.650) nella cella “In alternativa ai dati precedenti, per chi ha più affitti: totale annuo del reddito derivante dai canoni d’affitto senza riduzioni”. Perchè in effetti si tratta di più affitti (e di diverso importo). Ciao

    Rispondi al Commento
  33. Problema nel calcolare la cedolare secca corrente anno. Da gennaio a marzo il canone di locazione è di 750; da maggio (salta quindi un mese in cui la casa è rimasta sfitta) fino a dicembre si spera il canone mensile è di 800. Mi chiedo/vi chiedo come si fa a non calcolare il mese di sfitto e i mesi in cui vi è stato l’aumento? Grazie mille!

    Rispondi al Commento
  34. n merito ad un contratto di locazione con cedolare secca decorrente dal 15 aprile 2012 alcuni CAF che mi sono rivolto per avere delucidazioni se pagare gli acconti con modello f24 a giugno e a novembre mi hanno risposto che nn devo pagare nessuno acconto con modello F24 quest’anno, devo aspettare il 2013 per dichiararlo nel 730. Possibile mai? Non ci sto capendo nulla.

    Rispondi al Commento
  35. Caro Francesco, certo che devi pagare. Per i mesi da giugno a dicembre sei soggetto alla cedolare e quindi al calcolo dell’acconto e poi del saldo. Per il 730 non so, ma credo che devi rispondere a domande del tipo “quant’è il reddito d’affitto sul quale calcolare la cedolare?”. Ciao

    Rispondi al Commento
  36. Nel formulare i dovuti ringraziamenti per quanto di utile ed esplicativo il servizio da voi messo a disposizione a noi contribuenti. Vi chiedo “cortesemente” di rispondere al seguente quesito: nel mese di giugno c.a dovrei locare un’appartamento avvalendomi della c.d. cedolare secca, vorrei sapere se mi aspetta pagare l’acconto con modello F24 al 18 giugno c.a o posso versarlo direttamente a Novembre e il saldo di quanto dovuto nel mese di giugno 2013. Inoltre se sareste gentili a spiegarmi come devo comportarmi in sede di dichiarazione modello 730 di quest’anno e di quello del 2013. Grazie e distinti saluti

    Rispondi al Commento
  37. Vai tranquillo e paga (con ritardo) perchè l’acconto è in misura inferiore rispetto al totale dell’imposta.

    Rispondi al Commento
  38. di quei 2016 devo pagare il primo e secondo acconto pari al 40 e 60 per cento??? però il programma mi dice che la somma del primo e secondo acconto è di 1300 € e non di 2016….

    Rispondi al Commento
  39. Inserisci 800 euro mensili per 12 mesi ed avrai l’importo da versare come cedolare, ovvero euro 2.016 pari al 21% del canone annuale libero.

    Rispondi al Commento
  40. ciao, non riesco a capire il programma. se percepisco un canone di locazione pari a 9600 € annui..quanto dovrei pagare di cedolare secca??? vorrei capire il procedimento dei calcoli

    Rispondi al Commento
  41. tre giorni di telefonate al consulente ed oggi voilà… il calcolo l’ho fatto con voi. bene così.

    Rispondi al Commento
  42. HO AFFITTATO UN APPARTAMENTO DAL 11LUGLIO 2011 QUAL’E’ L’IMPONIBILE PER LA CEDOLARE DA PAGARE AL 30/11/2011?

    Rispondi al Commento
  43. grazie! è semplicissimo da usare e assolutamente efficace

    Rispondi al Commento
  44. Vorrei capire una cosa, quanto devo pagare il 3o.11. 11 se ho affittato dal 15.9.11 con affitto a 900€ al mese ? Purtroppo capisco molto poco di questi conti! Grazie spero che qualcuno possa aiutarmi a capire. Grazie Daniela

    Rispondi al Commento
  45. Ho valutato che per redditi molto bassi non conviene, perchè l’Irpef si applica sul reddito di affitto meno il 15%, mentre la cedolare secca sull’intero reddito d’affitto senza decurtazioni.

    Rispondi al Commento
  46. Anche secondo me viene come i tuoi calcoli; un leggero dubbio sul fatto che mi sembra sempre (indipendentemente dall’aliquota IRPEF appartenente, ovvero 23% o 27% – non vado certo oltre) conveniente; dov’è l’inganno?

    Rispondi al Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.