Assumere un dipendente

Vengono spiegati gli adempimenti e le pratiche da sbrigare per assumere un dipendente

Introduzione

Le istruzioni dalla A alla Z

La decisione di assumere un dipendente è sempre difficile da prendere, non tanto per il calcolo della sua convenienza o meno, quanto per la miriade di adempimenti e pratiche da sbrigare che questa scelta comporta. Sono infatti molti gli Enti cui comunicare i dati del nuovo assunto ed a volte il percorso burocratico da intraprendere per avere nel proprio organico una nuova risorsa è così confuso e poco chiaro (spesso anche per gli addetti ai lavori), che si è costretti, nel migliore dei casi, a rimandare nel tempo la decisione o a vedersi comminare delle sanzioni per una qualche forma di omissione o di ritardo negli atti da compiere.

A tale complessità si è cercato di ovviare con una nuova normativa che semplifica le procedure d’assunzione, prevedendo una comunicazione “unica” in sostituzione delle tante che precedentemente andavano indirizzate alla pluralità di Enti interessati a conoscere l’assunzione.

E’ per questo che ho preparato un semplice schema riassuntivo, che parte dallo specifico contratto di lavoro che s’intende porre in essere con il nuovo dipendente e ne descrive tutti i relativi adempimenti.

 

Come sempre avverto che ho posto particolare attenzione nella spiegazione dei singoli passi e delle cose da fare, ma è sempre possibile che ci siano delle imprecisioni, se non altro perchè le norme sono tante e si accavallano spesso tra di loro.

Questo lavoro è disponibile anche come presentazione di PowerPoint (107Kb)

Tipi di contratto

  • Lavoro subordinato(il lavoratore è inserito nell’azienda ed è diretto dal datore di lavoro)
    • lavoratore ordinario
    • apprendista
    • lavoratore pubblico
    • lavoratore minore
    • lavoratore agricolo
    • lavoratore extracomunitario
    • lavoratore notturno e di attività a rischio
    • lavoratore occasionale
  • Lavoro di varia natura
    • associato in partecipazione
    • socio lavoratore di cooperativa
    • tirocinante di formazione e orientamento
    • borsa di studio, stagista, altro lavoro gratuito
  • Lavoro parasubordinato(il lavoratore è sostanzialmente autonomo ed agisce sotto le direttive di un committente)
    • collaboratore a progetto
    • collaboratore coordinato e continuativo
    • collaboratore occasionale (mini co.co.co)
  • Lavoro autonomo(il lavoratore è completamente autonomo e quindi senza alcun vincolo di subordinazione)
    • lavoratore occasionale con più di 5.000 euro di compensi l’anno
    • lavoratore occasionale con meno di € 5.000
    • lavoratore professionale e contratto d’opera

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.