Programma per valutare la posizione competitiva dell’impresa

Un software per valutare la competitività dell’impresa in base a fattori interni ed esterni (di mercato)

E’ sicuramente interessante valutare la situazione competitiva della propria (o altrui) impresa, in base ad alcuni importanti fattori interni ed alla tipologia del mercato di appartenenza.

Il programma che vi proponiamo – e che potete scaricare liberamente in fondo a questo articolo – permette di effettuare proprio questa fondamentale analisi della gestione.

Permette cioè di determinare in quale quadrante si colloca l’azienda nell’ambito di alcune matrici strategiche particolarmente usate dai manager più qualificati, così da poter confrontare il mercato di riferimento dell’impresa con i suoi punti di forza e di debolezza interni.

Il tutto allo scopo di elaborare strategie efficaci e coerenti con la posizione aziendale e le caratteristiche del mercato.

Nel dettaglio il programma che abbiamo elaborato richiede l’introduzione di alcuni semplici dati (le celle di inserimento sono quelle bianche ed azzurrine, le altre sono protette):

1)      la valutazione di 9 fattori competitivi interni, in parte già indicati ed in parte a discrezione dell’utente (ma comunque tutti liberamente modificabili), sulla base di un facilissimo metro di misura, le cui grandezze sono cliccabili nell’apposito menu a tendina:

  1. sopra la media (3)
  2. valore in media (2)
  3. sotto la media (1)

2)      la valutazione, con lo stesso metodo di misurazione (sempre cliccabile nel già predisposto menu a tendina), di 6 fattori esterni, ovvero relativi al mercato d’appartenenza

E’ importante che i fattori interni siano in ogni caso 9 e quelli esterni in ogni caso 6.

Tutti questi dati devono essere riferiti, in colonna, ad alcuni target di riferimento. Nel programma ne abbiamo suggeriti alcuni (comunque liberamente modificabili dagli utenti), ma è possibile l’utilizzo della matrice anche per unità organizzative o territori geografici: è sufficiente digitare, al posto dei target, i centri di costo o le zone di cui si vuole valutare la competitività (p.es. zona centro Italia, nord, sud, isole, oppure Roma, Milano, ecc…).

Successivamente viene chiesto di inserire 3 parametri fondamentali:

  1. Tasso di crescita del mercato di riferimento (basso o elevato)
  2. Quota di mercato raggiunta (bassa o elevata)
  3. Redditività dell’impresa (bassa o elevata)

Una volta inserite le suddette poche informazioni, vengono elaborate dal software 2 importanti matrici:

1)      la matrice della situazione dell’impresa, con le relative strategie (specificatamente illustrate nel programma), dove le situazioni possibili sono classificate secondo le seguenti colorite espressioni:

  1. Super stars
  2. Protetti
  3. Cani di razza
  4. Vacche sacre
  5. Buchi neri
  6. Delinquenti minorili
  7. Cani non di razza
  8. Tori

2)      la matrice della forza competitiva, che fornisce per ogni target, unità operativa o zona geografica immessa la posizione occupata in un diagramma di 9 celle, a ciascuna delle quali corrisponde una indicazione operativa circa le politiche da adottare (la grandezza delle palle che rappresentano i target è proporzionata alla prima riga dei fattori interni, ovvero, nell’esempio, alla quota di mercato raggiunta)

Divertitevi pure a valutare con questo strumento la vostra azienda o quella dei concorrenti: si tratta ovviamente di una semplificazione, ma neanche tanto, visto che le basi del programma sono comunque scientifiche (le matrici impiegate nel software fanno parte del normale programma di studio nelle facoltà universitarie di Economia).

matrice competitivit(1)

 

Programma di valutazione dell’impresa

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.