Le nuove forme di tutela dei lavoratori

Il Jobs Act ha rivisitato tutte le indennità di sostegno al reddito che spettano ai lavoratori dipendenti

Il Jobs Act ha ridisegnato tutte le indennità a favore dei lavoratori che hanno perso il lavoro o che hanno subito una riduzione d’orario.

Per capirci sono state completamente modificate le vecchie indennità di disoccupazione e di mobilità, che andavano a sostenere il reddito dei dipendenti in caso di sopravvenute difficoltà nel loro rapporto di lavoro.

Il quadro normativo dei trattamenti a favore dei lavoratori è diventato un po’ più complesso, perché ci sono nuove tutele con strani nomi (Cassa integrazione, Naspi, Asdi, ecc..) ed è aumento anche il numero di questi nuovi assegni a beneficio dei lavoratori che hanno perso il lavoro o sono in procinto di perderlo.

La speranza è che, alla fine, le tutele siano più estese e più consistenti di quelle precedenti.

 

Per fare chiarezza sull’attuale disciplina delle indennità cui hanno diritto i lavoratori in difficoltà, abbiamo redatto il seguente semplice percorso che quanto meno fa acquisire un po’ di familiarità con le nuove forme di tutela dei lavoratori. Se volete approfondire le singole indennità e conoscere requisiti, entità e durata di questi trattamenti di sostegno al reddito, è sufficiente cliccare sul loro nome: si aprirà la pagina di Studiamo che tratta, in modo semplice e sintetico, l’argomento.

L’impresa è in crisi e ciò comporta una temporanea
riduzione o sospensione del lavoro con riduzione parziale o totale dell’orario, ma con la conservazione del posto di lavoro?

No

Il rapporto è cessato per licenziamento, individuale o collettivo, oppure per scadenza del termine in un contratto a tempo determinato?

Licenziamento

Se il rapporto di lavoro cessa, per licenziamento individuale o collettivo, c’è l’indennità di mobilità (solo fino al 31.12.2016), poi, finita la mobilità, c’è la Naspi ed eventualmente ancora dopo l’Asdi.

Scadenza termine

dopo

L’impresa ha le caratteristiche per godere della cassa integrazione?

No

Per i lavoratori occupati in imprese con più di 5 dipendenti ci sono i trattamenti di sostegno al reddito forniti dai Fondi
bilaterali di solidarietà
o, in mancanza di questi, dal Fondo di
integrazione salariale (
Fis)
.

Finita la Mobilità spetta la Naspi (se il
lavoratore ne ha i requisiti).

dopo

Per i lavoratori c’è la cassa integrazione, ordinaria e straordinaria.

Finita la Naspi spetta l’Asdi (se il lavoratore ne ha i requisiti).

Chi vuole una guida completa in materia di ammortizzatori sociali (assegni di sostegno al reddito dei lavoratori), può andare a questo nostro articolo che tratta tutte le indennità a favore dei lavoratori.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.