Almost Blue – Carlo Lucarelli

Una recensione del libro “Almost Blue” di Carlo Lucarelli

Almost blue di Carlo Lucarelli

Recensione del libro di Carlo Lucarelli ” Almost Blue “.


“Quasi triste quasi facendo le cose che eravamo soliti fare”

Elvis Costello, Almost blue

almost-blueAlmost blue è la musica che scandisce i giorni di Simone, un ragazzo cieco dalla nascita…

è il rumore ossessivo delle “campane di Satana” che martellano costantemente la testa dell’Iguana, uno psicopatico assassino che veste la pelle delle proprie vittime per purificare il proprio corpo…

è la difficoltà di Grazia, una giovane detective, di essere donna in un mondo di uomini…

ma è anche molto di più…

Attraverso gli occhi ora di Simone, ora di Grazia, ora dell’Iguana, siamo, infatti, guidati nei meandri di una Bologna parallela, dove il ritratto di ogni studente-tipo, sembra facilmente coincidere con quello del misterioso assassino, che si aggira indisturbato per la città.

Sarà Simone, che vive ogni istante collegato ad uno scanner, ad intercettare la voce dell’omicida e a collaborare con Grazia per risolvere il caso.

Ho letto molti romanzi di Lucarelli perchè mi affascina il suo modo di scrivere e la sua indubbia capacità di tenere alta la tensione… ma mai come in questo romanzo il lettore è trascinato in una realtà dove non c’è spazio per la paura perché ogni minuto che passa può distruggere una vita o salvarne un’altra, dove anche le voci possono essere colorate, e il pianto e la rabbia generare l’amore…

La biografia di Carlo Lucarelli

Autore: anotherday

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.