La scomparsa delle api (di Sylvie Coyaud)

Un’accurata indagine sul fenomeno della scomparsa delle api che dovrebbe preoccuparci profondamente

lascomparsapiE’ facile trovare in tutte le nostre case un vasetto di miele, per colazione o qualche spuntino veloce. Ce n’è davvero per tutti i gusti: il miele d’acacia, dolce, ottimo contro l’acidità di stomaco, o il miele di castagno, raccomandato in tutti i casi di cattiva circolazione sanguigna. Quello di eucaliptolo è utile per la tosse, quello di tarassaco ha azioni depurative.

A seconda del tipo di pianta dove si posano le piccole e preziose api, vengono prodotti mieli dalle diverse proprietà.

Se poi ci guardiamo un po’ intorno, scopriamo che sono tanti gli articoli che usiamo nella quotidianità, derivati dall’infaticabile lavoro delle api: per es. la crema che uso per il viso è a base di miele e propoli (un acquisto presso quelle bancarelle di apicoltori che si trovano sporadicamente in città, in occasione di qualche festa-bio)…

Ma le api stanno scomparendo: niente più api, niente più impollinazione. Il problema è serio.

Un grido d’allarme è rimbalzato recentemente sui diversi quotidiani italiani ed esteri: dove sono finite le api?

Fra le tante indagini sullo stato di salute del nostro pianeta, il libro di Sylvie Coyaud “La scomparsa delle api” rappresenta un’interessante opera.

Il libro fa il punto su posizioni molto distanti tra loro, che tentano di dare una risposta a questo fenomeno che ha ormai raggiunto dimensioni imbarazzanti: 50 miliardi di api sono scomparse in Grecia, almeno 55 in Italia, centinaia di miliardi solo negli Stati Uniti.

Così in India, in Nuova Zelanda, in Canada, in Brasile: questi piccoli preziosi insetti stanno scomparendo nel mondo.

Alcuni scienziati danno la colpa alla diffusione degli OGM nell’agricoltura, altri al riscaldamento globale del nostro pianeta, altri ancora parlano di un terribile virus o di un acaro in grado di distruggerle in poche ore.

Einstein sosteneva che se l’ape fosse scomparsa dalla terra, all’umanità sarebbero restati quattro anni di vita.

C’è chi, catastroficamente, associa questo fenomeno a quanto previsto dai Maya nel loro calendario per il 2012, adducendo la colpa al ribaltamento del campo geomagnetico.

Studi scientifici  svolti nelle università tedesche collegano invece la scomparsa delle api alle coltivazioni transgeniche, analizzando il gene di un batterio inserito nei semi di colza per renderlo resistente a un erbicida.

Intere pagine del libro sono dedicate alle diversi ipotesi di apicoltori e scienziati, e alle relative smentite, in un continuo altalenarsi tra politica e ambiente, scienza e tecnologia, tra cambiamenti prodotti dall’uomo e rimedi che tardano ad arrivare.

“Insetti e artropodi non vengono mai tutelati, nemmeno quando sono appesi a un filo sull’orlo dell’estinzione e vengono inclusi nella Red List delle specie a rischio. Non possiedono il glamour bianconero del panda, l’arcano fascino del delfino rosa né l’eleganza molleggiata della tigre”.

Il “cibo degli dei” rischia di scomparire, insieme alle api. Forse insieme a noi.

Sylvie Coyaud ci fa riflettere.

Le api sono sentinelle del mondo.

(Albert Einstein)

Autore: Lagi

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.