Modulo di domanda per il rimborso della TARI

Forniamo gratuitamente il programma per calcolare la TARI versata in più ed il modulo da compilare per chiederne il rimborso al Comune
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Ormai è ufficiale: alcuni Comuni hanno sbagliato a calcolare la TARI (tassa sui rifiuti) e quindi gli ignari contribuenti hanno versato molto di più di quanto avrebbero dovuto.

E questi maggiori versamenti hanno riguardato, laddove i Comuni hanno sbagliato, ben 4 anni. Pertanto si può chiedere il rimborso della maggior TARI versata per gli che vanno dal 2014 al 2017.

In particolare possono presentare domanda per recuperare le somme versate in eccesso i contribuenti che oltre la propria abitazione occupano anche una o più pertinenze (ad es. garage, box, cantine e solai), com’è il caso degli inquilini di ville e villette con interrato, perché in genere l’interrato ha una propria rendita catastale autonoma, pertinenza dell’abitazione ubicata ai piani superiori.

In questi casi i Comuni potrebbero aver compiuto un errore di calcolo, in quanto alcuni Enti hanno malamente sommato la parte variabile della TARI a ciascuna pertinenza autonoma, gonfiando così il tributo dovuto dai contribuenti.

 

La TARI è infatti un’imposta che prevede una quota fissa, da moltiplicare per la superficie in metri quadrati, ed una quota variabile, che varia invece in base al numero di occupanti l’immobile. Quest’ultima parte variabile, afferma il dipartimento delle Finanze, deve essere applicata una sola volta, anche quando l’abitazione è integrata da pertinenze come box e cantine. Tuttavia non tutti i Comuni hanno rispettato tale disposizione nel calcolo della Tari e da qui l’errore per il quale adesso i contribuenti possono presentare richiesta di rimborso.

Studiamo.it offre a tutti i contribuenti la possibilità di verificare facilmente se si trovano nella condizione di aver versato più TARI di quella dovuta e di quantificare questo maggior versamento.

Inoltre Studiamo.it permette di scaricare gratuitamente un modulo, da completare con i propri dati, per chiedere il rimborso della TARI versata in eccesso.

Per sapere se ci si trova nella situazione indicata e se quindi è opportuno presentare al Comune istanza di rimborso della TARI non dovuta, per un massimo di 4 anni, è sufficiente inserire i pochi dati richiesti nel programma gratuito di questa pagina. Esso permette anche di quantificare l’importo complessivo che il Comune è tenuto a rimborsare.

I dati da inserire nelle celle bianche del programma sono facilmente reperibili nella comunicazione annuale ricevuta per posta da tutti i contribuenti, quella con la quale i Comuni chiedono appunto il pagamento della TARI, che contiene pure i modelli F24 necessari al versamento del tributo. Nello specifico i dati da inserire nel programma sono i seguenti:

  • la superficie in metri quadrati distinta per unità immobiliari occupate
  • la tariffa in euro della quota fissa della TARI
  • la quota variabile del tributo
  • la percentuale dell’eventuale addizionale provinciale dovuta (sì, ci potrebbe essere pure questo ulteriore balzello)

Una volta inseriti i dati, se la TARI versata differisce da quella riportata al rigo “totale TARI dovuta”, allora l’errore di calcolo del Comune c’è stato e l’importo di questo sbaglio (ovvero la TARI da rimborsare) è indicato al rigo “differenza da rimborsare”.

Il procedimento descritto va ripetuto per ogni anno di imposizione TARI.

Ecco il programma gratuito di verifica dell’errore sulla TARI e di quantificazione dell’importo da rimborsare.

Calcolo TARI

Produced by
Studiamo.it

SUPERFICIE

Superficie abitazione (mq)

 100,00

Superficie prima pertinenza (mq)

20,00

Superficie seconda pertinenza (mq)

10,00

Superficie terza pertinenza (mq)

 

TARIFFE

parte fissa tariffa (€/mq)

1,10

parte variabile importo (€)

150,00

addizionale provinciale (%)

5,00%

RISULTATI

TOTALE

parte fissa

parte variabile

addprovinc.le

totale TARI pagata
(in caso di errore del Comune; €)

622,65

143,00

450,00

29,65

totale TARI dovuta (€)

307,65

143,00

150,00

14,65

differenza da rimborsare (€)

315,00

0,00

300,00

15,00

Il programma può essere scaricato liberamente qui, a condizione di fare una donazione a Studiamo.it cliccando sul seguente link a PayPal:




Ecco invece di seguito il modulo da compilare e personalizzare per chiedere il rimborso della TARI al Comune di competenza (quello di ubicazione degli immobili). Si ricorda che il rimborso della TARI può essere chiesto per gli che vanno dal 2014 al 2017 compreso.

Buon rimborso della TARI !!!

Abbiamo messo tutto il nostro impegno nella realizzazione del programma e nella stesura dell’articolo, ma essi hanno esclusivamente finalità didattiche e pertanto non fate affidamento sui risultati del programma, né sulle informazioni contenute nel testo.
Ci esoneriamo quindi da qualsiasi responsabilità per i danni derivanti dall’uso dei dati forniti.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.