An Emotion Death

L’estrema poesia di Dormouse

La vidi brillare in un deserto di ruggine
radiosa, pomposa e funerea.

Qualcosa scosse quel calmo incesto,
mutevole, dal nulla prendeva forma.

Freccia utopica scagliata dall’arco
luccicante e tagliente di un bimbo roseo,
percorse soffocante ogni lembo
del mio attonito corpo ridondante.

Avrei voluto bruciare di un fuoco implosivo
e godere al contempo dell’estasi
purpurea e furiosa, dell’abbraccio
di una dolce e solenne cascata.

Perché, mondo maledetto, ti accanisci
con indomata furia su qualcosa
di cosi inebriante purezza
da far arrossire la neve al suo passaggio?
Mi attraversò in un fermento fulmineo
e al dischiudersi dei contemplanti sensi
figure nere già intonavano la danza fatale.

Una nube di paure mistiche apparve
con morbosa precisione incidendo
languide parole grigie nel rossastro mare:
ogni luce soffocata è l’albore
di un nuovo ed immenso marmoreo cielo.

Tags:

Autore: Dormouse

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.