Le ore

Il passare del tempo in poesia, una bella invenzione di Fedel Franco Quasimodo

Le ore del giorno

Battono un tempo,

soltanto

sciupìo di talento.

E’ gia’ il momento notturno:

luci

mestamente soffuse;

i riflessi

pian piano appannati;

i muscoli

progressivamente rilassati.

Ore che battono

Piu’ lente, piu’ stanche,

con tintinnìo sibillino.

Un tempo

Cronicamente malato

Si accovaccia

Sul mio leggìo.

E ci si guarda

Con frequenza

Allo specchio:

risulta

ogni giorno

flaccido

e incrinato.

Tags:

Autore: Fedel Franco Quasimodo

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.