Lo scontro

Navigar sulle parole con Dormouse

O nefaste ombre,
estirpate il mio cuore
ché cessi di lacrimare.
La sua buccia screpolate,
o incestuose figure,
sì che sanguini latente.
Con occhio tradito apra
al ribollire dell’uscio,
o mutevoli donzelle.

Forza, potere e inganno
di rapimento odorano.

Le vibrazioni son ninfa
dalla penna allattate,
illuminate dalle onde
corteccia son le membra.
In vuoto vi tramutai,
di arcobaleno allergico
al tornar vostro tingendo.

Tags:

Autore: Dormouse

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.