Se fossi rondine

Facendo il verso a Cecco, di Franco Pastore

Se fossi rondine, volerei
nel cielo del passato,
per respirare l’aria
che non ho dimenticato;

il profumo dei gerani di mia madre
ed i colori dei miei anni belli,
ricchi di tanti sogni e solo quelli.

Quando l’amore
s’accontentava d’un bacio
e la casa: una barca di naufraghi,
uniti in ogni burrasca.

Se fossi rondine, andrei
incontro al sole del mattino,
quello che illuminava via Murelle,
con i suoi vicoli e le sue cortine,

ricchi di miseria e di bambini
che, tra crepe e liscivie,
giocavano, per ore, a nascondino.

Se fossi rondine salirei più su,
da quel povero vecchio,
che riempiva d’amore
la mia solitudine.

Tags:

Autore: Franco Pastore

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.