Consulenza fiscale

Un articolo sulla consulenza fiscale

Quando si parla di consulenza fiscale, generalmente s’intendono gli adempimenti legati direttamente alla tenuta della contabilità.

La consulenza fiscale di uno studio professionale è molto di più. Innanzitutto, la prima consulenza fiscale da fornire ad una nuova impresa, oppure ad un’impresa già in attività, è quella riguardante la scelta della forma giuridica (impresa individuale, Snc, Sas, Srl, Associazione, ecc.). Da questa scelta discendono una moltitudine di conseguenze importanti, che è meglio valutare molto attentamente.

Poi, la consulenza fiscale deve suggerire il regime contabile più conveniente, tenendo conto delle caratteristiche dell’impresa. Ci sono diversi regimi contabili (ordinario, semplificato, forfetario, supersemplificato, ecc.) e l’opzione a favore di quello più opportuno fra di essi è di fondamentale rilevanza per l’impresa.

Costruite in questo modo, dopo attenta e ponderata analisi, le basi fiscali dell’impresa, una consulenza fiscale professionale deve saper assistere l’azienda in tutti i momenti della sua vita. Infatti, qualsiasi operazione imprenditoriale ha necessariamente delle conseguenze fiscali (oltre che finanziarie ed economiche) e sta alla consulenza fiscale quantificarne e valutarne gli effetti sulla complessa gestione aziendale. Basti pensare alle operazioni dirette: all’assunzione di un dipendente, alla decisione di chiedere un finanziamento, alla risoluzione delle problematiche legate al magazzino ed agli approvvigionamenti, oppure alla definizione della clientela (privati, professionisti, imprese, ecc.) ed alla scelta del sistema di distribuzione e pagamento.

Un’ottima consulenza fiscale deve monitorare continuamente la gestione aziendale per indirizzare le decisioni imprenditoriali verso le strade più convenienti ed opportune. Inoltre, il monitoraggio assicura la verifica costante della permanenza delle condizioni che hanno determinato l’adozione di una certa scelta di fondo, proponendo, in caso contrario, il necessario cambiamento. Per fare un esempio, qualora le dimensioni dell’impresa siano divenute tali da non garantire più l’efficienza organizzativa, la consulenza fiscale deve valutare e proporre un cambiamento nella forma giuridica ( per. es. da Snc a Srl) o nell’organizzazione amministrativa.

La consulenza fiscale esprime la sua massima importanza nelle valutazioni di fine anno, che debbono essere non solo rispettose del Codice Civile e della Legge tributaria, ma anche opportune ed efficaci nell’ambito del raggiungimento dei fini perseguiti e dell’efficienza aziendale.

Questa è la consulenza fiscale che, unitamente ad una valida consulenza del lavoro, deve essere offerta da uno studio professionale altamente qualificato.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.