Il regime patrimoniale della famiglia

Una dispensa sul regime patrimoniale della famiglia

Sappiamo che il regime patrimoniale della famiglia può essere: in comunione o in separazione dei beni.

Nel caso del regime della separazione dei beni, da indicare all’atto del matrimonio, ognuno rimane proprietario dei propri beni, e si formano due patrimoni distinti per i due coniugi.

Se all’atto del matrimonio non si specifica nulla, si ha la comunione legale.

Importante è individuare quali beni rientrano nella comunione legale, questi sono:

•   I beni acquistati dopo il matrimonio

•   I frutti dei beni di proprietà di ciascun coniuge, come gli interessi di un conto corrente bancario

•   I proventi dell’attività separata di ciascun coniuge, nel caso d’esercizio di impresa

•   I beni del patrimonio dell’azienda costituita e gestita da entrambi i coniugi

I beni esclusi dalla comunione, e che rimangono di proprietà di ciascun coniuge, sono, invece, quelli appartenenti al coniuge prima del matrimonio.

Oltre i beni personali, perché antecedenti al matrimonio, ci sono altri beni che rimangono fuori dal regime di comunione; questi sono i beni che pervengono ad uno dei coniugi per effetto di successione o donazione.

Anche i beni di uso strettamente personale del coniuge non rientrano nella comunione, come per esempio i capi d’abbigliamento.

Inoltre, sono esclusi dalla comunione i beni che servono alla professione o all’impresa di uno dei coniugi. Quindi, l’utile dell’impresa rientra nella comunione, mentre il capitale necessario a produrlo è personale.

Queste precisazioni sono importanti nel caso di separazione dei coniugi, o liquidazione dell’impresa.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.