Il ritorno dei licei

Una riflessione sul ritorno di moda dei licei

Leggo con molta sorpresa sui giornali che c’è ultimamente un grande ritorno di moda dei licei (classici e scientifici), i quali registrano una forte crescita delle iscrizioni a danno degli altri istituti superiori. Dopo il boom registrato negli anni ottanta e novanta dagli istituti tecnici, i ragazzi tornano a preferire l’insegnamento culturale di base fornito dai licei.

Questa notizia è sicuramente da accogliere con piacere, perché chiunque provenga da studi tecnici, non può non aver accusato, almeno una volta nella vita, la mancanza delle conoscenze culturali impartite dai licei. Nelle discussioni con gli amici è troppo spesso pregiudizievole e deprimente l’ignoranza di materie fondamentali, come il latino, la storia e soprattutto la letteratura, quella vera, che va molto al di là delle poche ore sonnolente offerte da alcuni istituti scolastici, che spesso negano l’aspetto umanistico della conoscenza.

Non parliamo poi della sensazione che si prova quando ci si trova di fronte ad una funzione matematica oppure ad un’equazione a due incognite, che per molti sono cose di altri mondi.

L’offerta didattica dei licei e la preferenza che gli studenti stanno dando a quest’offerta è un dato importantissimo, che attribuisce un’incondizionata fiducia a questi giovani che saranno, un giorno, la nostra nuova classe dirigente, speriamo onesta e leale come lo era “Socrate”.

Tags: ,

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.