Probabilità del Poker e presa vincente

Le probabilità di fare punti a Poker scartando le carte e la presa matematicamente vincente

Di trattati e manuali sul gioco del Poker ce ne sono tanti, anche sul web, ma questo articolo è un pratico supporto ai giocatori per capire esattamente chi tra di loro, durante il gioco e precisamente al momento di scartare le carte, ha maggiori probabilità di vedersi entrare la combinazione desiderata e vincere la mano.

Così d’affrontare le partite con un animo un po’ più scientifico del semplice e tradizionale intuito che ogni giocatore utilizza per valutare le carte sul tavolo da gioco.

Diciamo subito che il Poker all’ “italiana” è giocato con un mazzo di carte ridotto rispetto a quello all’ “americana”, giocato con tutte le 52 carte del mazzo.

In particolare in Italia il Poker è giocato con un numero di carte che varia in base al numero dei giocatori. La regola per conoscere il numero di carte con cui giocare è detta “regola dell’11”, per il fatto che bisogna sottrarre da 11 il numero dei giocatori per avere il valore della carta più bassa del mazzo. La formula è quindi:

Valore della carta più bassa = 11 – n. dei giocatori

Per esempio con 4 giocatori bisogna utilizzare un mazzo che parte dal 7, composto quindi di 32 carte complessive (4 semi per 8 valori delle carte: 7, 8, 9, 10, J, Q, K ed Asso), mentre per con 5 giocatori si parte del 6 e quindi le carte sono 36, perché si aggiungono i quattro 6 al mazzo precedente.

 

Le probabilità che tratteremo faranno riferimento proprio a questi 2 mazzi (di 32 e 36 carte), in quanto i più usati dai giocatori italiani.

Prima però di vedere le varie alternative tra cui deve decidere il giocatore di Poker quando ha la possibilità di scartare le carte, affrontiamo un argomento sui cui c’è molta confusione: l’esistenza della presa sicura nel Poker.

Esiste nel gioco del Poker all’ “italiana” la possibilità di avere delle carte che assicurano la vincita sicura della mano che si sta giocando?

A questa domanda anche i giocatori più esperti potrebbero rispondere di no, perché è noto che il punto più alto – la scala reale – non garantisce la presa sicura.

Infatti, a parità di scala reale, la regola per decidere chi vince è la seguente: la scala reale massima batte la media, quella media batte la minima, ma la minima batte la massima, così da realizzare un circuito chiuso che di fatto impedisce di essere sicuri di avere in mano il punteggio più alto.

In realtà la presa sicura al Poker italiano esiste eccome, e la probabilità del suo verificarsi non è neanche così tanto bassa da renderla completamente infrequente.

Nel Poker italiano (con 32 o 36 carte) si realizza la presa sicura della mano quando il giocatore fa poker di 10 con un Kappa, dopo aver scartato un Jack, una Donna ed un Asso, o comunque quando si ha in mano, oltre al poker di 10, una qualunque tra le carte J, Q, K e A, dopo aver scartato le altre.

Il motivo della sicurezza della vincita in questo particolare caso è evidente: i punti che possono battere il poker di 10 sono due:

  • un altro poker con carte più alte del 10, ma ciò è impossibile perché abbiamo scartato, o teniamo in mano, una carta di tutti i valori maggiori di 10 (J, Q, K e A)
  • una scala reale, ma anche tale punto è impossibile da fare per gli altri giocatori, perché nel poker all’ “italiana” non si può fare scala senza utilizzare un 10 e guarda caso tutti i 10 li abbiamo in mano noi

Ecco dunque che, se si dovesse presentare una situazione come quella descritta, possiamo essere sicuri al 100% di vincere la mano: ricordatevene.

Adesso possiamo passare ad analizzare le scelte da fare quando scartiamo le carte, per cercare di prendere una decisione supportata anche dalle probabilità di realizzare il punto desiderato. Probabilità da mettere ovviamente a confronto con quelle degli avversari, di cui conosciamo un’informazione importante: il numero di carte che scartano.

Meglio di tante parole valgono le seguenti tabelle – distinte per mazzi da 32 e 36 carte –, in cui a sinistra c’è la situazione di partenza ed il numero di carte che possiamo decidere di scartare, mentre a destra ci sono le probabilità di realizzare un determinato punteggio dopo lo scarto delle carte che non ci servono.

Meditate giocatori di Poker, meditate.

Probabilità con 32 carte

Abbiamo in mano…

Scartiamo…

Probabilità (in %) di realizzare…

Totale

Niente

Coppia

Doppia

Tris

Scala

Full

Colore

Poker

Scala reale

Coppia

3 carte

54,0

24,0

18,2

2,9

0,9

100

Coppia

2 carte

60,4

24,2

12,5

2,6

0,3

100

Tris

2 carte

82,3

10,3

7,4

100

Tris

1 carte

85,2

11,1

3,7

100

Doppia coppia

una carta

85,2

14,8

100

4/5 di Scala ad incastro interno

una carta

44,4

40,8

14,8

100

4/5 di Scala ad incastro bilaterale

una carta

29,6

40,8

29,6

100

4/5 di Colore

una carta

44,4

40,8

 

14,8

100

4/5 di Scala reale ad incastro interno

una carta

33,3

40,8

11,1

11,1

3,7

100

4/5 di Scala reale ad incastro bilaterale

una carta

22,2

40,8

22,2

7,4

7,4

100

Probabilità con 36 carte

Abbiamo in mano…

Scartiamo…

Probabilità (in %) di realizzare…

Totale

Niente

Coppia

Doppia

Tris

Scala

Full

Colore

Poker

Scala reale

Coppia

3 carte

58,9

21,9

16,3

2,2

0,7

100

Coppia

2 carte

65,0

21,7

11,2

1,9

0,2

100

Tris

2 carte

84,5

9,0

6,5

100

Tris

1 carte

87,1

9,7

3,2

100

Doppia coppia

una carta

87,1

12,9

100

4/5 di Scala ad incastro interno

una carta

51,6

35,5

12,9

100

4/5 di Scala ad incastro bilaterale

una carta

38,7

35,5

25,8

100

4/5 di Colore

una carta

48,4

35,5

 

16,1

100

4/5 di Scala reale ad incastro interno

una carta

38,7

35,5

9,7

12,9

3,2

100

4/5 di Scala reale ad incastro bilaterale

una carta

29,0

35,5

19,3

9,7

6,5

100

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

7 Commenti

  1. @Dave Ovviamente le probabilità di fare colore con 4/5 di scala reale sono più basse perché hai una (o due) carte in meno che ti permettono di chiudere il colore. Si tratta della (o delle) carta che, se entra, ti completa la scala reale. Quindi una parte di percentuale passa dal colore alla scala reale. E la loro somma è l’esatta probabilità di fare colore con 4/5 di colore.

    Rispondi al Commento
  2. cmq quando si calcola la probabilità di chiudere una scala bilaterale o un colore le probabilità dovrebbero essere di 8 a 4 (mazzo da 32)….ma in realtà sono di 6 (8-2di colore) a 4

    Rispondi al Commento
  3. Desidero sapere il calcolo di probabilita avendo 3 carte dello stesso seme in scala bilaterale. Grazie

    Rispondi al Commento
  4. In realtà la presa sicura è possibile solo con 32 carte. Con 36 carte ci potrebbe essere una scala reale senza dieci (A-6-7-8-9)

    Rispondi al Commento
  5. Vorrei vedere quantificata la famosa questione della probabilità’ totale del colore rispetto al full passando dal mazzo a 32 a quello a 36. E’ interessante anche il computo della prob. totale del poker rispetto al colore in quello a 32…

    Rispondi al Commento
  6. Non è uguale perché per fare colore basta che esce un altra carta dello stesso seme. Per fare scala reale deve uscire una carta specifica dello stesso seme e quindi la probabilità e piu bassa

    Rispondi al Commento
  7. con 4/5 di colore o con 4/5 di scala reale (entrambe) la probabilità di fare colore cambiando una carta dovrebbe essere identica. perché nel tuo calcolo sono diverse? metti in conto di avere 4/5 di scala reale, ma di avere già colore in mano e scartarlo?

    Rispondi al Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.