11 settembre

Il ricordo di un incubo: 11 settembre 2001

La vulnerabilità è un elemento imprescindibile per l’essere umano. I passi da gigante fatti dalla scienza in questo secolo e le travalicazioni costanti dei limiti imposti dalla natura, spesso ci allontano da questa ineluttabile verità.

Soltanto eventi eclatanti sono capaci di catapultarci nuovamente nella realtà e nei limiti dell’umano mondo.

Non c’è dubbio che gli Stati Uniti d’America siano una grandissima potenza, ma questo non vuol dire che sia invincibile!

Le sorti del mondo, dal secondo dopoguerra ad oggi, sono strettamente legate alla nazione americana.

I fili delicati degli equilibri mondiali sono stati tessuti dalle sue mani, gli schieramenti internazionali sono stati determinati dalle sue scelte.

Intanto il tempo è passato, i decenni sono trascorsi, e la pretesa sicurezza che …ormai …le cose stessero così, che…ormai …i giochi fossero fatti si è andata consolidando sempre più, tralasciando, probabilmente, dettagli, che poi tali non si sono rivelati….

È bastato un sol giorno di barbarie, un solo minuto, un solo immane ed immenso boato e tutto si è dissolto nel nulla.

Le facce attonite di noi spettatori lontani, le lacrime miste a sangue e fango di chi ignaro del proprio destino si è trovato faccia a faccia con la morte, di chi la sera prima aveva visto spiccare nel cielo le torri gemelli che poi il giorno dopo, come una folata di vento con una foglia, non esistevano più, sono forse solo il frutto di una svista? L’epilogo di un folle disegno sanguinario? Il suo inizio?

Risposte nessuno le ha.

Di certezze, probabilmente, è difficile parlare.

Di sicuro, però, da uomini degni di questo nome siamo legittimati ed obbligati a pensare.

Ma a che cosa?

Qualcosa in cui credere e su cui ricominciare a lavorare : l’umanità? L’amore per essa? La democrazia? La pace? Il rispetto? la solidarietà? La non violenza?

Si può scegliere, si può aggiungere qualcos’altro, l’importante è che le parole non rimangano scatole vuote!

11-settembre

Autore: Claudia

Condividi questo articolo su

1 Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.