Banca ed operazioni bancarie: corso completo

Cos’è la banca e come funziona

Le operazioni bancarie

La classificazione delle operazioni bancarie

Fino agli Anni ’60 le operazioni bancarie si distinguevano facilmente in:

  • operazioni principali o caratteristiche
  • operazioni secondarie o complementari

Le prime erano quelle riferite all’attività di intermediazione creditizia (raccolta ed impiego), le quali davano (e danno) luogo agli interessi bancari: passivi sulla raccolta, attivi sugli impieghi. La loro differenza costitutiva la famosa “forbice” di bancaria memoria.

Le seconde erano tutte le altre che, a quei tempi, coincidevano con i servizi offerti alla clientela: per lo più servizi di custodia come le cassette di sicurezza e poco altro. La loro remunerazione è rappresentata dalle commissioni percepite dalla banca per il servizio reso.

Da allora la tipologia di operazioni bancarie è cambiata radicalmente.

Innanzitutto le operazioni in servizi si sono molto sviluppate, tant’è che c’è stato un periodo negli Anni ’80 in cui sembrava dovessero soppiantare, come importanza economica, le operazioni di intermediazione. Pertanto continuare a chiamarle secondarie apparve ben presto anacronistico.

Poi le banche, alla ricerca di profitti alternativi ed aggiuntivi, puntarono all’ “allargamento” della loro attività verso altri campi ed altre operazioni bancarie, di contenuto più professionale, di credito e di servizi. Furono importate così in Italia attività di origine anglosassone (come testimoniano i nomi), quali ad es. il factoring ed il leasing, spesso esercitate non direttamente dalle banche, ma da società appartenenti al gruppo polifunzionale (v. capitolo sull’ordinamento bancario).

 

Inoltre, negli Anni ’90, l’attività di compravendita di titoli (trading) conobbe un vero e proprio boom di gradimento, diventando popolare e quindi alla portata di tutti. Questo portò ad una massiccia implementazione da parte delle banche del servizio finanza, in quanto si passò da una situazione in cui il trading era conosciuto solamente da una nicchia di esperti, che lo svolgeva per professione, ad una situazione in cui esso era disponibile a tutte le persone, anche di ceto medio-basso, le quali sentivano di poter realizzare forti guadagni da questa attività. Peraltro molti di loro pagarono a caro prezzo la presunzione di conoscere il mercato finanziario (e l’andamento dei titoli) quando, più tardi, la borsa ebbe uno dei suoi ricorrenti crolli.

Negli ultimi anni si sono incrementati ed evoluti i sistemi di pagamento, ovvero tutti i servizi che “girano” sul conto corrente e che di fatto intensificano la velocità di circolazione della moneta (elettronica) nel mercato.

Si è pure avuta una trasformazione del modo di fare banca: da quella tradizionale alla nuova figura di banca virtuale, grazie alle possibilità offerte dalla rete Internet. Sono nati in questo modo nuovi servizi, per es. l’home banking, godibili direttamente da casa o dagli uffici dell’impresa cliente.

In conclusione le operazioni  bancarie possono essere attualmente classificate nel modo seguente:

  • operazioni bancarie di intermediazione creditizia (quelle in cui la banca svolge la funzione creditizia)
    • raccolta
    • prestiti
  • operazioni bancarie dirette di investimento finanziario (acquisto in proprio di valori mobiliari per fini di investimento)
  • operazioni bancarie di intermediazione mobiliare (acquisto e vendita di valori mobiliari per fornire un servizio alla clientela)
  • operazioni bancarie complementari (le operazioni di servizi)
  • operazioni bancarie collaterali (con cui la banca compie operazioni di prestito, direttamente o tramite società satelliti)

Forse però la migliore e più completa classificazione delle operazioni bancarie è quest’altra:

  • operazioni bancarie di intermediazione creditizia
    • di raccolta
    • di impiego
    • di investimento
  • operazioni bancarie di servizi
    • monetari
    • di custodia
    • di consulenza
    • finanziari
  • operazioni del parabancario

Il complesso delle operazioni bancarie

Come sempre un’immagine (in questo caso una tabella) vale più di mille parole.

Operazioni di intermediazione finanziaria

(Operazioni caratteristiche, ex operazioni principali)

Operazioni di raccolta dei fondi

(Operazioni passive)

• Depositi a risparmio (DR)
• Conti Correnti (C/C) + conti particolari (p.es. C/Deposito)
• Certificati di deposito (CD)
• Pronti Contro Termine (PCT)
• Assegni circolari  (a brevissimo termine)
• Obbligazioni

Operazioni di impiego dei fondi

(Operazioni attive)

• Apertura di credito
• Anticipazione su pegno
• Sconto di cambiali
• Salvo Buon Fine -Sbf- di ricevute bancarie (Ri.Ba.)
• Anticipo fatture
• Mutui
• Credito al consumo
• Riporti
• Sovvenzioni varie

Operazioni di investimento

(dei capitali della Banca)

• Titoli di Stato
• Conti Correnti di banche maggiori (o Istituti di categoria)
• Titoli obbligazionari e azionari
• Gestione patrimoniale da parte di terzi

Operazioni di servizi

(ex operazioni secondarie o complementari)

di custodia e monetarie

• Cassette di sicurezza
• Pagamento utenze
• Valuta estera
• Incasso effetti e Ri.Ba.
• Bonifici
• Pagamento imposte
• Carte di credito e Bancomat
• Home Banking

finanziarie e di consulenza

• Sottoscrizione di titoli pubblici
• Compravendita di titoli per conto dei clienti
• Collocamento di Fondi comuni di investimento
• Consulenze finanziarie
• Consulenze varie

Operazioni del parabancario

(operazioni di servizi specializzate)

 

• Factoring
• Leasing
• Trading professionale
• Gestione patrimoniale per conto terzi
• Assicurazioni
• Consulenze professionali

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

14 Commenti

  1. Vorrei cortesemente chiedere come si può capire dall’estratto conto titoli quante azioni sono state acquistate, considerato che manca la voce specifica e sono indicate solo la data, il valore nominale e il prezzo. Grazie

    Rispondi al Commento
  2. Salve, in base a tale stato patrimoniale, quali voci rientrano nelle attività correnti e quali nelle passività correnti?

    Rispondi al Commento
  3. complimenti! semplice e chiaro
    avrei una domanda:
    nel calcolo degli interessi si fa riferimento al metodo Amburghese senza fare cenno dei metodi Zigoli e Besta. in cosa consistono?
    gz1000

    Rispondi al Commento
  4. Ottimo! Trovo particolarmente di pregio la semplicità di linguaggio nel esprimere i concetti che diventano così facilmente comprensibili!

    Rispondi al Commento
  5. è UN ECCELLENTE CONTRIBUTO ALLA CONOSCENZA DEL MONDO BANCARIO, DI CUI SPESSO SI PARLA A SPROPOSITO

    Rispondi al Commento
  6. è proprio quello che stavo cercando!! sito veramente utile, bravissimi

    Rispondi al Commento
  7. Vorrei sapere se è possibile costituire in pegno dei titoli, a garanzia della fidejussione, rilasciata a favore della banca affidante per linee di credito accordate a terzi. Quindi non garanzia diretta bensì indiretta.. Vorrei sapere quali sono i riferimenti normativi che regolano questa procedura. Mille grazie

    Rispondi al Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.