Condominio: manuale d’uso
Le regole del condominio ad uso di partecipanti ed amministratori

da | 20 Mar 2013 | Diritto pubblico privato ed internazionale, Società | 11 commenti

Introduzione

L’esigenza di un condominio e di regole certe da far rispettare ai suoi partecipanti nasce dal fatto che è necessario amministrare, mettendosi d’accordo, le parti comuni dell’edificio condominiale.

Le parti comuni sono le opere la cui proprietà è in comune a tutti i partecipanti al condominio.

Pertanto le regole che vedremo sono valide in tutti i casi in cui più unità immobiliari hanno parti in comune, ovvero quando esse costituiscono appunto un “condominio”.

 

La trattazione di questo corso è divisa in 6 grandi aree, più l’introduzione (navigabili con il menu posto in alto a destra di tutte le pagine):

  1. Introduzione al condominio
  2. Il condominio e le parti comuni dell’edificio
  3. Le innovazioni nel condominio
  4. La ripartizione delle spese tra i partecipanti al condominio
  5. L’assemblea dei partecipanti al condominio
  6. L’amministratore condominiale
  7. I documenti del condominio

11 Commenti

  1. VINCENZO0116

    GRAZIE 1000

    Rispondi
  2. Antonio Buccieri

    ciao, nel file dei riparti per scale e ascensori, il valore “Valore dell’unità immobiliare” si riferisce ai millesimi o al valore economico? Grazie

    Rispondi
    • Steve Round

      Però sarebbe il caso di leggerlo l’articolo prima di fare domande che lo riguardano.

      Rispondi
      • Steve Round

        Inizio pagina 4:
        “le spese sono sostenute dai partecipanti al condominio in proporzione al valore della proprietà di ciascuno (cioè della sua quota millesimale), salvo diverso accordo”.

        Rispondi
  3. caterina richichi

    Tra le voci in elenco non ho trovato quello riguardante la ripartizione del riscaldamento e le spese per il consumo dell’acqua.

    La mia richiesta di chiarimento era questa:
    Ho in affitto un magazzino presso un condominio ma non ho i tubi dell’acqua, tentomeno un singolo rubinetto.
    Essendo magazzino non utilizzo il riscaldamento anche se è presente un termosifone.
    Tra le spese elencate però c’è il consumo dell’acqua ed il riscaldamento, oltre naturalmente le pulizie delle scale che non utilizzo (il magazzino è esterno e l’accesso avviene tramite una claire).
    Come posso oppormi al pagamento in toto delle “utenze” addebitatemi?
    Grazie per l’attenzione.
    Caterina

    Rispondi
  4. mASSIMO

    Mandatemi la Vs .newsletter . Grazie.

    Rispondi
  5. Mauro Bosio

    ottimo lavoro

    Rispondi
  6. Salvatore

    ho trovato il vs. sito interessante e serio. bravi!!!! Ma desidero, se possibile, chiederVi: l’amm.re, per gli adempimenti fiscali, ha diritto ad un ulteriore compenso?

    Rispondi
  7. Sabrina

    per la validità dell’assemblea è necessario 1/3 dei proprietari (teste) se il numero è frazionato es. 16,33, debbo aspettare che siano 17 o bastano 16 proprietari? grazie

    Rispondi
  8. Furio

    Bravi! Grazie

    Rispondi
  9. Giorgio

    grazie mille

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This