Filosofia per principianti

La sintesi di Storia della Filosofia, per chi si avvicina la prima volta alla Filosofia

Filosofia contemporanea 3

Nel periodo a cavallo tra XIX e XX secolo (quindi tra fine ‘800 ed inizio ‘900), le diverse specializzazioni che ormai contraddistinguono la ricerca scientifica si “ribaltano” parallelamente nel pensiero filosofico.

Le varie filosofie di questi anni sono infatti molto diverse tra loro e difficilmente si riesce a trovare un denominatore comune che permetta, in qualche modo, di caratterizzare uniformemente il contesto storico cui le stesse si riferiscono.

beauty-1319951_1920

La diversificazione della filosofia in tante filosofie è stata sicuramente un’avversa reazione dei pensatori del tempo al positivismo dilagante che, esaltando l’indagine scientifica, la considera l’unica via per giungere alla verità ed alla valida conoscenza della realtà.

I filosofi sono contrari a questa visione della metodologia scientifica come strada maestra del sapere e mettono di conseguenza in evidenza la (secondo loro) malriposta fiducia illimitata nella scienza quale strumento di sviluppo e miglioramento della vita umana.

Mettono pure in dubbio l’impostazione positivistica secondo la quale le verifiche e dimostrazioni ordinariamente applicabili alle scienze della natura possano trovare corretta e parallela applicazione anche alle scienze dell’uomo ed in particolare alla prospettiva storica dell’uomo, cioè ad una visione dell’uomo nell’ambito degli studi storici particolarmente vivace nelle analisi degli studiosi di questa epoca. In realtà, dicono i filosofi, lo studio dell’uomo e della sua storia richiede un modello diverso da quello scientifico.

Sostanzialmente nella filosofia contemporanea è messo in discussione il principio filosofico, acquisito dalla tradizione, secondo il quale le vicende umane e di conseguenza la storia sono frutto della “ragione”, della pura (e astratta) attività di pensiero.

L’uomo è ora invece visto dai filosofi nella sua interezza: non solo la “ragione” o l’ “intelletto” quindi, ma la “molteplicità” di tutte le forze dell’essere umano sono oggetto di speculazione filosofica, dando luogo così alle varie correnti, diversamente interpretate dai pensatori, cosiddette delle filosofie della vita.

 

Dunque, per studiare l’uomo e le sue vicende, occorrono metodi e strumenti specifici. Se non altro perché, a differenza delle scienze della natura, quando si studia lo spirito umano esiste un “filtro” tra soggetto conoscente ed oggetto da conoscere: questo “filtro” è rappresentato dal linguaggio.

Non per niente tutto il ‘900 è pervaso, ed ancora fino ad oggi, da consistenti studi – che si possono far iniziare da Peirce – sulla linguistica prima e sulla comunicazione e semiotica poi, la quale ultima altro non è che lo studio e l’interpretazione dei segni (oggi si usa dire dei “testi”), al fine di comprendere il meccanismo fondamentale della comunicazione, in cui tra mittente e destinatario del messaggio è posto l’importante ruolo del soggetto interpretante.

Si può affermare, con quasi completa certezza, che l’unico carattere in comune delle tantissime correnti filosofiche del Novecento sia rappresentato dall’esaltazione degli aspetti comunicativi e di linguaggio del terreno filosofico. Esaltazione che quindi contraddistingue, almeno come atteggiamento dei pensatori, il modello della filosofia novecentesca e che di fatto è tutt’ora in corso, nelle sue diverse declinazioni.

Pertanto è la comunicazione l’atteggiamento filosofico che caratterizza il Novecento e, forse, questo inizio di secolo (e di millennio), tant’è che si è parlato di una “rivoluzione linguistica” da parte dei filosofi contemporanei.

Per il resto, ripetiamo, la filosofia del ‘900 è frastagliatissima in tante correnti e “specializzazioni”, un cui sintetico elenco proviamo ad esporre tra poco.

Prima però accenniamo a quella che è stata considerata la grande distinzione delle filosofie del Novecento, ma che in sostanza è una bipartizione geografica degli studi filosofici:

  • la filosofia analitica, del mondo anglosassone
  • la filosofia continentale, attribuita ai rimanenti Paesi del continente europeo

Una distinzione quindi che per comodità può essere utilizzata, ma con l’importante precisazione che, mentre la filosofia analitica tipica dei Paesi anglosassoni è una vera corrente filosofica, uniformemente teorizzata dai suoi esponenti, quella continentale è un coacervo disomogeneo di numerose correnti filosofiche. La filosofia continentale è dunque l’insieme residuale, spesso anche incongruo, di tutte le altre correnti filosofiche, diverse dalla filosofia analitica o comunque non ad essa riconducibili.

Peraltro questa distinzione, prettamente geografica, tra filosofia analitica e continentale ha i suoi riflessi anche sugli aspetti linguistici e comunicativi di cui parlavamo.

Mentre infatti la filosofia analitica, caratterizzata da un concetto “oggettivo” di verità e dall’utilizzo degli strumenti della logica, analizza il linguaggio, con il rigore dettato dalla logica filosofica, per singoli “parti” ed inventando all’occorrenza i termini “pseudoscientifici” del linguaggio stesso, la filosofia continentale – la quale dichiara che non esistono i fatti ma solo le interpretazioni – analizza il linguaggio considerando tutto il testo, senza limiti predefiniti (tanto è vero che una delle critiche degli “analitici” ai “continentali” è la trattazione di fenomeni non linguistici come se fossero linguistici), arrivando così, secondo gli “analitici”, ad una “verità” non oggettiva, cioè non verificabile.

Per farvi capire quanto sia “specializzata” l’attuale filosofia, riportiamo di seguito una carrellata delle principali correnti – non solo filosofiche – del periodo storico di cui stiamo trattando (il contemporaneo, ovvero l’Ottocento ed il Novecento sino ad oggi).

Si tratta di una corposa sequenza di scuole (che terminano quasi tutte con …ismo), sinteticamente spiegate nel “Dizionario dei termini filosofici e non solo” che stiamo preparando a conclusione della nostra Filosofia per principianti (per cui torna a trovarci).

Consequenzialismo

Neopositivismo

Cosmismo

Neoscolastica

Costruttivismo

Neostoicismo

Decostruttivismo

Nominalismo

Decostruzionismo

Noncognitivismo teologico

Empiriocriticismo

Nuovo realismo o neorealismo

Empirismo costruttivo

Oggettivismo

Ermeneuticismo

Olismo

Esistenzialismo

Personalismo

Espressionismo

Pessimismo

Evoluzionismo

Pluralismo

Fatalismo

Positivismo

Filosofia analitica

Postmaterialismo

Filosofia continentale

Postmodernismo

Filosofia fenomenologica

Pragmatismo

Funzionalismo

Primitivismo

Hegelismo

Razionalismo critico

Idealismo

Realismo

Irrazionalismo

Realismo critico

Marxismo

Scientismo

Materialismo storico

Semiotica

Modernismo

Spiritualismo

Negazionismo

Storicismo

Neohegelismo

Strutturalismo

Neoidealismo

Surrealismo

Neoilluminismo

Umanismo

Neokantismo

Utilitarismo

Neopitagorismo

Vitalismo

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

3 Commenti

  1. Verrà pubblicato anche la parte sulla filosofia del ‘900 e contemporanea?

    Rispondi al Commento
  2. Per me che non mi sono mai accostata alla filosofia è stata una spiegazione illuminante e chiarissima. Complimenti e grazie per aver salvato una neo-studentessa!

    Rispondi al Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.