Quota 41
Programma di calcolo della data di pensionamento secondo Quota 41

da | 21 Ott 2022 | Società | 0 commenti

Si è tornati a parlare molto vivacemente di Quota 41.

Con Quota 41 si intende la possibilità di uscita anticipata dal lavoro (per il pensionamento) rispetto ai requisiti molto più rigorosi della legge Fornero. Per la precisione, 41 sono gli anni di contributi versati che bisogna avere, secondo questa ipotesi, per ottenere la sospirata pensione.

Tuttavia, dopo tanti anni di discussione su questa modalità di pensionamento, si sono accorti che essa è troppo costosa per le casse dello Stato e pertanto l’equilibrio dei conti pubblici non permette ad oggi l’istituzione di Quota 41.

Per uscire dall’impasse e consentire ai lavoratori con ben 41 anni di servizio sulle spalle di avere una possibilità alternativa di pensionamento, si è quindi pensato di accompagnare il requisito dei 41 anni di contributi con una soglia minima di età anagrafica: solo chi ha 41 anni di contributi versati ed un minimo d’età può optare per il pensionamento con Quota 41.

Al momento tutta la normativa è solo in proposta e molto dipenderà ovviamente dallo stato di salute dei conti pubblici. Di conseguenza non sappiamo ad esempio quale sarà il limite minimo d’età che bisognerà vantare per accedere alla pensione con Quota 41. Sempre se un giorno l’idea di Quota 41 sarà finalmente formalizzata in una legge.

Però già adesso possiamo calcolare quando si potrà andare in pensione con Quota 41, stante la nostra anzianità di lavoro e la nostra età (dati che conosciamo benissimo).

Quello che non conosciamo è la soglia minima di età per il pensionamento con Quota 41, ma possiamo rendere modificabile il parametro (così come è modificabile il minimo contributivo).

Nel nostro programma, a fondo pagina, è infatti possibile modificare gli anni di contributi e la soglia minima d’età che la nuova legge indicherà come requisiti indispensabili per la pensione e così facendo calcolare:

  • la data di pensionamento
  • l’età al momento del pensionamento
  • gli anni mancanti alla pensione

Il tutto inserendo semplicemente la data di nascita e la data di inizio contribuzione (o il numero di mesi di contributi versati, se questi non sono continuativi oppure se si intende ad es. considerare versamenti figurativi oltre agli effettivi).

DIVERTITEVI CON IL NOSTRO PROGRAMMA QUOTA 41 !!!
Inserite le date e premete Invio.
(se il risultato non dovesse apparire, provate ad inserire le date nel formato inglese: mm/gg/aaaa)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This