Riscaldamento globale: tutto quello che c’è da sapere
In una breve monografia tutto quello che c’è da sapere sul cambiamento climatico

da | 31 Ago 2023 | Società | 0 commenti

Cosa si può concretamente fare per ridurre il riscaldamento globale

Cosa si può concretamente fare per ridurre il riscaldamento globale

Brutalmente la situazione riguardo il cambiamento climatico e l’aumento della temperatura mondiale è stata ben riassunta da Bill Gates con la sua formula della sopravvivenza:

P × C × E × A = 0

dove:

P è la popolazione mondiale
C è la quantità media di beni e servizi consumati dalle persone (il Pil nazionale di tutti i paesi)
E è l’energia media necessaria per produrre i bene e servizi di cui sopra
A è la quantità media di anidride carbonica liberata dalla produzione di energia

Come dice la formula il prodotto dei 4 parametri deve essere pari a zero per risolvere il problema climatico. Ciò implica ovviamente che almeno uno di essi deve essere pari a zero (perché se si moltiplica qualsiasi grandezza per zero, il risultato è zero).

Se andiamo ad analizzare la formula per trovare i rimedi all’aumento incontrollato della temperatura terrestre, capiamo però che:

P)
la popolazione (P) non può essere certo azzerata

C)
i consumi (C) della popolazione mondiale, cioè il Pil di ciascun paese, di fatto non possono essere azzerati, se non altro perché pur ammettendo teoricamente che i paesi ricchi accettino di andare volontariamente in recessione, l’abbattimento del Pil dei paesi poveri rappresenterebbe per loro una questione di vita o di morte (non solo una questione economica) e quindi la decrescita economica o la “crescita controllata” per favorire la decarbonizzazione è solo una grande utopia irrealizzabile.

E)
il passaggio a energie rinnovabili per ridurre l’energia (E) necessaria alla produzione di beni e servizi è, come detto sopra, auspicabile e da incentivare con ogni mezzo, insieme a comportamenti virtuosi come non usare la macchina e prendere la bicicletta, fare la raccolta differenziata, rivestire con l’isolamento termico (il “cappotto”) gli edifici e quant’altro, ma la realtà è che aspettarsi una diminuzione dei consumi nei prossimi decenni è semplicemente inverosimile, perché questi continueranno inesorabilmente ad aumentare (del 50% al 2050 secondo le più accreditate simulazioni)

A)
l’unica soluzione possibile e praticabile è, inevitabilmente, la riduzione, fino all’azzeramento, dell’emissione (A) di gas serra, come l’anidride carbonica, ed è su quest’unica possibilità che bisogna puntare tutto, cioè sulle attività idonee a realizzare la decarbonizzazione, riflettendo anche sulla possibilità di ridurre le emissioni mediante il ricorso a quella che appare come l’unica scelta possibile, ovvero l’utilizzo del nucleare pulito e sicuro, come ad es. quello dei reattori a onde viaggianti che ha il grosso vantaggio di non produrre scorie radioattive. 

La coperta è corta e quindi ancora una volta il grido è reagire, subito e prontamente. Per il bene dei nostri figli.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This