Scegliere il mutuo fra tasso fisso e variabile

Il nostro programma gratuito permette di scegliere facilmente fra mutuo a tasso fisso e variabile

Chi dice che la scelta fra un mutuo a tasso fisso ed un mutuo a tasso variabile sia difficile? E che la decisione tra fisso e variabile rappresenti sempre un azzardo, una scommessa sul futuro?

Niente di più sbagliato.

Certo il futuro non si può prevedere, ma l’analisi circa la convenienza a prendere un mutuo a tasso fisso, anziché un mutuo a tasso variabile, può essere compiuta in modo scientifico, così da minimizzare gli errori e massimizzare la convenienza, realizzando il miglior risparmio sul costo degli interessi da pagare.

È quello che fa il nostro programma gratuito, disponibile in questa stessa pagina e molto facile da usare.

Il programma di Studiamo.it infatti offre un criterio di scelta dopo aver analizzato in modo sistematico le due alternative, ovvero le condizioni del mutuo a tasso fisso e quelle del mutuo a tasso variabile, quest’ultimo caratterizzato da un tasso di interesse che si modifica continuamente, in più ed in meno, in quanto indicizzato alle variazioni del mercato (in genere all’Euribor, parametro di riferimento ormai consolidato per le variazioni dei tassi).

 

La valutazione del nostro semplice software consiste nella verifica, per il mutuo a tasso variabile, degli effetti sugli interessi monetari di 6 possibili scenari futuri, ciascuno rispondente ad una particolare ipotesi di andamento nel tempo (trend) del tasso di interesse, sulla base di parametri liberamente modificabili e personalizzabili dall’utente.

Per tutti gli scenari sono calcolati gli interessi da pagare (in termini monetari ed in percentuale) e quindi la conseguente convenienza per il tasso fisso o per quello variabile.

Inoltre il confronto si conclude con un giudizio di sintesi che, stante la stima della probabilità di ogni scenario, suggerisce all’utente la decisione definitiva da prendere, cioè se è più conveniente il mutuo a tasso di interesse fisso o quello a tasso variabile.

Il tutto supportato da grafici e indicazioni di facile lettura.

Il programma di Studiamo.it è ovviamente destinato alle persone che stanno decidendo di prendere un mutuo o hanno intenzione di farlo, ma non sarebbe male se anche le stesse banche offrissero questo strumento di analisi e valutazione ai loro clienti, affinché venga perseguito il bene del richiedente fido (che poi, alla fine, è il bene di entrambe le parti).

I dati da inserire nel programma (in particolare nelle celle bianche) sono veramente pochi:

  • l’importo in euro del prestito che si vuole prendere
  • il tasso di interesse del mutuo a rata fissa ed il tasso di interesse del mutuo a rata variabile proposti dagli istituti (fate attenzione a mettere il punto o la virgola per i decimali a seconda del proprio collegamento Internet, perché alcuni server di rete vogliono il primo ed altri la seconda per le cifre decimali delle percentuali)
  • la durata del finanziamento, che può essere diversa per i due tipi di mutuo (fisso e variabile)
  • solo se si vuole, i parametri di variazione percentuale (in aumento o in diminuzione) del tasso di interesse variabile nei diversi scenari, così da personalizzarli rispetto a quelli di base proposti dal programma
  • le probabilità di accadimento dei vari scenari, se si intende modificare quelle già inserite, ricordando però che la somma per tutti gli scenari deve essere sempre uguale al 100%, altrimenti non viene fornito il suggerimento finale di sintesi

Non rimane che augurarvi buon divertimento con il nostro programma on line, un grande aiuto nella scelta fra tasso fisso e variabile!!!

I valori già inseriti sono solo di esempio.
Attenzione: nelle celle bianche delle percentuali, inserite anche il simbolo di percentuale (%) dopo il numero, onde evitare il mancato riconoscimento del dato digitato.

Abbiamo messo tutto il nostro impegno nella realizzazione del programma e nella stesura dell’articolo, ma essi hanno esclusivamente finalità didattiche e pertanto non fate affidamento sui risultati del programma, né sulle informazioni contenute nel testo. Ci esoneriamo quindi da qualsiasi responsabilità per i danni derivanti dall’uso dei dati forniti.

Autore: Steve Round

Condividi questo articolo su

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.