Assistenza infermieristica e carcinoma tiroideo differenziato

Introduzione all’assistenza infermieristica ed al carcinoma tiroideo differenziato

Trattamento pazienti affetti da tumore della tiroide

INDICE

  1. SCOPO
  1. CAMPO DI APPLICAZIONE
  1. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI
  1. RESPONSABILITA’
  1. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA’
  1. LISTA DI DISTRIBUZIONE

1. Scopo:

La costruzione di questa particolare procedura, è caratterizzata dall’esigenza di riuscire a fornire informazioni precise, riguardanti le varie modalità di preparazione del paziente in trattamento o già trattato con radioiodio, a tutto il personale infermieristico operante nella nostra sezione e a tutti coloro che ne richiederanno la conoscenza.

Tali informazioni, alcune delle quali facenti parti di linee guida suggerite e adottate a livello nazionale, saranno schematizzate con una precisa cronologia di attuazione, al fine di raggiungere, tramite una serie di protocolli, un giusto approccio non solo metodologico, ma anche psicologico verso un paziente colpito da cancro.

 

2. Campo di applicazione:

La Sezione di Malattie Endocrine e Metaboliche del Presidio Ospedaliero ASL n° 6 di Livorno

3. Terminologia ed abbreviazioni:

LT4 Levotiroxina
TSH Ormone ipofisario stimolante la tiroide
FT4 Tiroxina libera
AbTg Anticorpi antitireoglobulina
AbTPO Anticorpi antiperossidasi
Tg Tireoglobulina
W.B.S. Scintigrafia corporea totale
U.O. Unita Operativa
Med. Nucl. Medicina Nucleare
ASL Azienda Sanitaria Locale
Ca. Carcinoma
131I Radioisotopo
Tg Test Test sottostimolo con TSH ricombinante
TSH umano ricombinante Levotiroxina (Thyrogen)
i.m. Iniezione intramuscolo

4. Responsabilità:

Medico Responsabile del Reparto Prescrizione della dose radiometabolica
Il Coordinatore Dell’approvvigionamento del materiale occorrente, della supervisione degli infermieri, OSS, OTA e del controllo ed esecuzione della procedura con una puntuale verifica della stessa.
Infermiere (A) Programmazione delle dosi, preparazione del paziente affetto d ca. tiroideo tramite procedure che comprendono: l’educazione alla dieta ipoiodica, esecuzione del prelievo ematico, somministrazione di TSH umano ricombinante (i.m), educazione alle norme comportamentali e presentazione delle norme radioprotezionistiche.
Infermiere (B) Sostituisce la figura (A) in tutte le sue funzioni in caso di assenza.
OSS-OTA E’ responsabile dell’accoglienza del paziente nella sezione e del riordino dei materiali usati.

5. Descrizione delle attività: organigramma

organigramma2
Programma di trattamento con iodio 131: trattamento con aggiunta del farmaco (stimolazione esogena)

La nostra sezione, nell’ambito delle sue molteplici prestazioni, propone la terapia radiometabolica a quei pazienti, operati di carcinoma tiroideo, i quali necessitano di ablazione del tessuto residuo post-chirurgico, naturalmente da effettuare sulla base dei dati prognostici (soggetti a medio – alto rischio).

Tale trattamento è praticato dalla medicina nucleare dell’Ospedale Santa Chiara di Pisa diretta dal Prof. Giulio Mariani e con la quale collaboriamo da anni, poiché il nostro presidio ospedaliero non ha le strutture adatte per erogare la terapia.

A tal proposito sono stati costruiti protocolli che hanno alcune caratteristiche diverse e altre uguali, allo scopo di soddisfare le esigenze del paziente e della sua preparazione prima della somministrazione della dose ablativa.

Preparazione del paziente:

  • Dieta a basso contenuto di iodio da effettuare i 15 giorni circa prima del ricovero per la somministrazione della dose radio metabolica.
  • Sospensione LT4 3 giorni prima del ricovero per la somministrazione della dose radiometabolica

Arrivo del paziente alla nostra sezione:

  • Due giorni prima del ricovero deve compiere:
    • prelievo ematico per TSH, FT4, AbTg, AbTPO, Tg,
    • prima iniezione i.m. di TSH umano ricombinante,
    • ritira la documentazione concernente il ricovero nella U.O. di Med. Nucl. Di Pisa.
    • viene consegnata la seconda fiala di TSH umano ricombinante (da conservare a temperatura tra 2°- 8°) che gli verrà praticata durante il prericovero nell’U.O. di Med. Nucl. Di Pisa.

Invio del paziente c/o la medicina nucleare di Pisa:

  • Il giorno prima del ricovero alle ore 08:00, digiuno all’ospedale Santa Chiara di Pisa presso la Med. Nucl. Palazzina n° 31 per praticare la seconda fiala di Thyrogen e i prelievi ematici e urinari.
  • Ricovero (data programmata) per la somministrazione della dose radiometabolica.

Il programma di trattamento termina con il W.B.S. presso la Med. Nucl. ASL 6 Livorno come da appuntamento consegnato con la documentazione.

Programma di trattamento con iodio 131I: trattamento senza aggiunta del farmaco (stimolazione endogena)

Preparazione del paziente:

  • Dieta a basso contenuto di iodio da effettuare i 15 giorni circa prima del ricovero per la somministrazione della dose radio metabolica
  • Sospensione LT4 per 4 settimane prima del ricovero per la somministrazione della dose radiometabolica

Arrivo del paziente alla nostra sezione:

  • Tre giorni prima del ricovero deve effettuare:
    • prelievo ematico per TSH, FT4, AbTg, AbTPO, Tg,
    • ritira la documentazione riguardante il ricovero nella U.O. di Med. Nucl. Di Pisa.

Invio del paziente c/o la medicina nucleare di Pisa:

  • Il giorno prima del ricovero alle ore 08:00, digiuno all’ospedale Santa Chiara di Pisa presso la Med. Nucl. Palazzina n° 31 per eseguire i prelievi ematici e urinari.
  • Ricovero (data programmata) per la somministrazione della dose radiometabolica.

Il programma di trattamento termina con il W.B.S. presso la Med. Nucl. ASL 6 Livorno come da appuntamento consegnato con la documentazione.

Tg TEST:

La nostra sezione, nell’ambito delle sue molteplici prestazioni, propone il Tg Test da eseguire dopo 8-12 mesi circa la somministrazione della dose di radioiodio, che può rivelare indosabilità della Tg, oppure alcune sue variazioni quantitative attestanti la guarigione o la persistenza della malattia, servendosi della stimolazione con TSH umano ricombinante (Thyrogen 0,9 mg i.m.) e la quantificazione ematica della tireoglobulina, vista nei tre giorni successivi alla stimolazione farmacologica (esogena). Importante porre l’accento che tale test, solitamente viene eseguito solo in pazienti “low risk”, inoltre non prima di aver eseguito un prelievo ematico per TSH, FT4, AbTg, AbTPO, Tg a sei mesi circa dopo dose radiometabolica e non prima di aver eseguito la visita e l’ecografia tiroidea di controllo a otto mesi circa sempre dopo la somministrazione della dose radiometabolica.

Arrivo del paziente alla nostra sezione:

  • Prestazione eseguibile in Regime Ambulatoriale della durata di n° 5 giorni
  • Lunedì: somministrazione di 1° fiale Thyrogen i.m., prelievo ematico per TSH, FT4, AbTg, AbTPO, Tg.
  • Martedì: somministrazione 2° fiala Thyrogen.
  • Mercoledì: prelievo ematico per RTSH, RFT4, AbTg, AbTPO, Tg.
  • Giovedì: prelievo ematico per Tg
  • Venerdì: prelievo ematico per Tg

Follow up:

La nostra sezione, nell’ambito delle sue molteplici prestazioni, propone il Follow up da eseguire dopo 8-12 mesi circa la somministrazione della dose di radioiodio, che può rivelare indosabilità della Tg, oppure alcune sue variazioni quantitative attestanti la guarigione o la persistenza della malattia, servendosi della stimolazione con TSH umano ricombinante (Thyrogen 0,9 mg i.m.), la quantificazione ematica della tireoglobulina, vista nei tre giorni successivi alla stimolazione farmacologica (esogena) e l’esecuzione di W.B.S. per evidenziare recidive patologiche.

Importante sottolineare che tale test, solitamente viene effettuato solo in pazienti “High risk“, inoltre non prima di aver eseguito un prelievo ematico per TSH, FT4, AbTg, AbTPO, Tg a sei mesi circa dopo dose radiometabolica e non prima di aver eseguito la visita e l’ecografia tiroidea di controllo a otto mesi circa sempre dopo la somministrazione della dose radiometabolica.

Arrivo del paziente alla nostra sezione:

  • Prestazione eseguibile in Regime Ambulatoriale della durata di n° 5/6 giorni
  • 2 settimane prima dell’inizio del follow up iniziare dieta ipoiodica
  • Domenica: sospendere LT4
  • Lunedì: ore 08:00 prelievo ematico per TSH, FT4, AbTg, AbTPO, Tg e somministrazione i.m. di 1° fiala TSH umano ricombinante.
  • Martedì: somministrazione 2° fiale di TSH umano ricombinante
  • Mercoledì: il paziente deve rimanere digiuno. Ore 08:30 prelievo ematico per RTSH, RFT4, AbTg, AbTPO, Tg presso la nostra sezione, Ore 09:00 recarsi in Med. Nucl. Livorno (1° padiglione Piano terra) per la somministrazione di dose radiometabolica pari a 5 mCi per compiere il W.B.S. (non esistono controindicazioni alla somministrazione del prodotto ad esclusione delle donne in stato di gravidanza.)
  • Giovedì: prelievo ematico per Tg
  • Venerdì: prelievo ematico per Tg
  • Sabato. Scintigrafia corporea ore.. Med. Nucl. Livorno.

6. Lista di distribuzione:

1

Sez. Endocrinologia e Malattia Metaboliche ASL 6 Livorno

2

Direzione Sanitaria ASL 6 Livorno Presidio Ospedaliero

3

Ufficio Infermieristico ASL 6 Livorno

4

U.O. Medicina Nucleare ASL 6 Livorno

5

U.O. Medicina Nucleare ASL 5 Pisa

 

Autore: Sara

Condividi questo articolo su

1 Commento

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.